The news is by your side.

Sicurezza sismica, sindaco e Cipolloni al convegno di Catania: regole appalti da rivedere

Avezzano. Comune in prima fila per sostenere gli interventi con le moderne tecnologie antisismiche sugli edifici nuovi ed esistenti per non dover riparare o ricostruire dopo il terremoto. Principio alla base del seminario internazionale organizzato dal Glis in collaborazione con Enea, Ance, Associazione nazionale tecnici Enti locali, Western European Territorial Section, Anti-Seismic Systems International Society, con il patrocinio dei Comuni di Avezzano, Catania, Palermo e Ferrara, incentrato sugli interventi preventivi con le tecnologie innovative e sulla prevenzione. Un tema di scottante attualità. Gianni Di Pangrazio sindaco di AvezzanoAlla due giorni in agenda oggi e domani, (13 e 14 giugno) nell’aula magna del Monastero dei Benedittini a Catania, il sindaco ed esperto del settore, Gianni Di Pangrazio -accompagnato dal consigliere comunale e componente del cda dell’istituzione del centenario del terremoto, Lino Cipolloni, relazionerà su “Gli enti locali e la sicurezza” e getterà le basi per l’evento Glis del 2015 -anno del centenario della tragedia- che richiamerà in Città centinaia di esperti da tutta Europa. Obiettivo: incentivare la cultura della sicurezza e sollecitare la revisione delle regole degli appalti. Alla due giorni partecipa anche l’ingegnere avezzanese Walter Bellotta. “Enti locali e Stato centrale”, sottolinea il sindaco, “dovrebbero operare per far prendere sempre più coscienza alla collettività dei rischi derivanti dalla scarsa sicurezza. A livello centrale urge una revisione delle regole degli appalti ribaltando l’attuale logica dei lavori assegnati al massimo ribasso a favore di offerte che assicurano la migliore qualità. Gli Enti locali invece possono e devono investire sullo sviluppo della Cultura della sicurezza per sensibilizzare studenti e popolazione sui rischi; dotarsi di un piano di protezione civile, ma soprattutto restringere le maglie sui piani regolatori fissando regole rigorose per evitare di far costruire in zone a rischio”. Ad Avezzano in virtù di questo pensiero è in corso d’opera la realizzazione di un piano di Microzonazione sismica. Qui, dove l’anno prossimo ci sarà il centenario della terribile tragedia che il 13 gennaio del 1915 rase al suolo la Città e la Marsica provocando oltre 30 mila morti, per commemorare i defunti e sviluppare sempre più la cultura della sicurezza, nel corso del 2015 si terranno varie manifestazioni mirate a sviluppare la conoscenza e la consapevolezza sulla necessità di alzare il livello di difesa.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto