News in tempo reale

Reparto di neurochirurgia, da oggi stop agli interventi. L’èquipe si trasferisce all’Aquila

Avezzano. L’èquipe di neurochirurgia, coordinata dal professor Renato Galzio, non potrà più operare nell’ospedale di Avezzano. Dopo l’ordine di servizio della Asl sono stati sospesi gli inteverti e dirottati all’Aquila. L’annuncio era arrivato già a fine ottobre quando la Asl aveva comunicato il mantenimento di cinque o sei posti per le urgenze. La Asl aveva altresì assicurato un potenziamento del reparto marsicano, che invece non è mai arrivato. Secondo il primario Galzio: “non si può offrire ai pazienti un servizio poco efficiente a causa della carenza di personale. L’unica possibilità, per garantire una risposta adeguata ai pazienti, era quella di trasferire uno dei due neurochirurghi all’Aquila”. Stando così le cose sommando i medici delle unità operative di Avezzano e L’Aquila, a malapena si riesce a portare a regime il reparto del capoluogo. Ad Avezzano, la necessità di mantenere dei posti letto per le urgenze era dovuta a fatti che riguardano la conformazione morfologica del territorio.  L’unica via d’uscita ora è rappresentata dalla decisione della Asl di riattivare il reparto di Avezzano assumendo nuovi neurochirurghi.