News in tempo reale

Nuovo finanziamento di 130mila euro: la Chiesa di Sant’Egidio Abate di Verrecchie tornerà al suo antico splendore

Cappadocia. E’ stato deliberato uno stanziamento pari a 130.206 euro per il consolidamento e il completamento del restauro della Chiesa di Sant’Egidio Abate di Verrecchie, frazione di Cappadocia (AQ), iniziato oltre dieci anni fa. «Molteplici sono state in passato le sollecitazioni inoltrate dall’Amministrazione comunale al ministero per i Beni e le attività culturali – dichiara Bruno Murzilli, sindaco di Cappadocia – per il completamento dei lavori di restauro dell’antica Chiesa di Sant’Egidio Abate. Ma a favorire un esito positivo, è stato l’efficace impegno preso dall’onorevole Marco Marsilio, componente della Commissione bilancio, tesoro e programmazione della Camera dei Deputati, grazie al quale si è giunti all’erogazione del finanziamento. Ora, grazie a questo nuovo stanziamento, sarà finalmente possibile terminare il progetto di recupero di questo monumento storico-religioso, restituendo così ai cittadini del territorio, ma in realtà a tutta l’Italia, uno dei patrimoni monumentali più belli della Marsica». Il nuovo stanziamento – come stabilito dalla legge 20 maggio 1985 n. 222 – è frutto della ripartizione della quota dell’otto per mille del gettito dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, sulla base delle dichiarazioni annuali. Tale quota viene destinata a scopi di interesse sociale a diretta gestione statale e a scopi religiosi a diretta gestione della Chiesa cattolica. Oltre agli interventi per calamità naturali o per la fame nel mondo, tale legge prevede che le quote utilizzate dallo Stato, vengano destinate anche alla conservazione dei beni culturali. Ed ecco quindi la ragione del nuovo finanziamento che andrà a completare il restauro della antica Chiesa iniziato prima del 2000 e svoltosi finora a tappe, attraverso diversi interventi. Vediamo quali. «Nei diversi interventi svolti in passato, sono state rimontate le parti crollate, – spiega l’architetto Antonello Garofalo, progettista e direttore dei lavori sin dall’inizio dell’opera di restauro – consolidate le coperture, le murature e si è ripristinata la pavimentazione mancante in molti punti della chiesa. Un altro importante intervento di restauro è stato indirizzato verso gli affreschi, realizzati all’interno della parte absidale della Chiesa». Ma i lavori all’interno della chiesa di Sant’Egidio svelano anche una singolare sorpresa: «In prossimità dell’abside della basilica, – aggiunge il direttore dei lavori – in una stanza sotterranea, sono state ritrovate anche molte ossa umane». Portate lì chissà quando e chissà da chi.