News in tempo reale

MarsicaLive dice #noalfemminicidio. Arrivate in redazione centinaia di foto contro la violenza

Sono a capo di governi e ai vertici di importanti società, guidano taxi e autobus, sono mamme lavoratrici e figlie modello. Eppure sono anche vittime dell’ira violenta dei loro compagni, degli ex mariti che le trattano come fossero delle schiave al loro servizio. Non possono dire di no, non possono alzare la testa e guardare il mondo con i loro occhi. E se lo fanno rischiano la vita. Perseguitate, picchiate e sempre più spesso uccise. La giovane Senade e la mamma Fatime sono le ultime due vittime del femminicidio che negli ultimi mesi sta facendo più morti di una guerra. Avevano tanti sogni, un futuro davanti e una vita fa vivere. Ma gli è stato rubato da un uomo che non fotoè riuscito a vedere in loro nulla se non degli oggetti. Sono realtà che fino a ieri sembravano lontane, e invece sono sempre più vicine. Per questo le donne devono avere il coraggio di dire basta, di uscire fuori dal tunnel, di denunciare episodi di violenza e di sopraffazione degli uomini. MarsicaLive, in collaborazione con personalità del mondo della cultura, della scuola, del giornalismo ha deciso di promuovere una campagna per dire #noalfemminicidio. Nei prossimi giorni sul sito e sulla pagina Facebook pubblicheremo foto di donne con un fazzoletto rosso, con un foulard, con un indumento o con qualsiasi cosa rossa in segno di solidarietà alle vittime delle violenze. Tutte le lettrici che vorranno partecipare alla nostra iniziativa potranno inviarcele via mail all’indirizzo [email protected] o postarle sui social network. Verrà realizzato un album interattivo e verranno raccontate storie di oggi e di ieri. Sarà il nostro modo di dire #noalfemminicidio.