News in tempo reale

Dionisi e De Maio una sfida per la serie A partita dal campo del Celano

Celano.Federico Dionisi, attaccante classe 1987, è nato a Rieti. Arriva nel Celano F.C. Olimpia alla corte di mister Pino Petrelli e del Presidente Ermanno Piccone nel gennaio del 2007 dall’allora Cisco Roma allenata da Paolo Di Canio e sin da subito si capisce che questo ragazzo ha le capacità per essere un giocatore con quella classe in più, anche se con metà stagione riesce a centrare una sola rete. La svolta arriva nella stagione successiva, 2007-2008, piena di soddisfazione per lui e per il Celano. In panchina siede Giacomo Modica, siciliano di Mazara del Vallo e secondo di Zeman per diversi anni oltre che suo amico personale. Proprio Modica con il suo 4-3-3 zemaniano riesce a portare il Celano nella storia, disputando i play-off per salire in serie C1 (poi persi in finale contro il Real Marcianise). Dionisi segna 11 gol in quella stagione dove si inventa anche quell’esultanza particolare (nata proprio a Celano) che porta con se ancora oggi a Livorno; protagonista fotoperò lo sarà anche un altro campione, Sebastian De Maio, difensore francese classe ’87 di proprietà del Brescia (dove gioca tutt’ora in serie B), che con 32 partite segna ben 5 reti. A fine stagione De Maio, grazie al gran campionato disputato, torna a Brescia, ma nel calciomercato del gennaio 2009 torna a Celano dove Dionisi intanto con 32 presenze, disputa l’ennesima annata di record personali con il Celano, realizzando 15 reti e si proietta sempre di più per salire di categoria. Nell’estate del 2009 infatti, grazie alla trattativa seguita dal Presidente del Celano Piccone e dal DG Marco Giannitti, viene ceduto al Livorno del Presidente Spinelli. Ora, dopo 3 anni continuano la loro carriera in serie B, Dionisi nel Livorno e De Maio nel Brescia dove sono diventati punti di riferimento per queste due grandi società e per i rispettivi tifosi. Adesso i due ex compagni si giocano la serie A, nella partita decisiva di ritorno dei play-off, dopo aver pareggiato la prima, consci però che dopo un percorso iniziato insieme a Celano, uno solo dei due potrà finalmente approdare nella massima serie, almeno per ora, perchè ci auguriamo di potervi godere una sfida simile, anche in serie A; ma una cosa è certa: saranno pure avversari, ma non dimenticheranno mai di essere stati compagni di squadra e di essere “cresciuti” nel Celano che ancora oggi non li ha dimenticati! 
Giuseppe Angelosante*

*Resp. Comunicazioni esterne
Celano F.C. Marsica