News in tempo reale

Di Pangrazio al congresso dei commercialisti “l’ente Comune si riappropri dell’autonomia”

Avezzano. “Un forte cambiamento nel funzionamento della macchina comunale che passi attraverso una nuova mentalità del personale e soprattutto degli amministratori, l’innovazione tecnologica e una totale trasparenza dell’apparato amministrativo, con servizi pubblici da adeguare alle esigenze della gente”. Sono i passaggi salienti dell’intervento del candidato a sindaco, Gianni Di Pangrazio, nel corso del 50esimo congresso dell’Unione nazionale dei giovani dottori commercialisti ed esperti contabili, tenutosi nei giorni scorsi a L’Aquila, all’Auditorium della scuola della Guardia di Finanza, in cui si è dibattuto anche dei nuovi sistemi contabili degli enti locali. “Perché la macchina comunale cambi e migliorino i servizi ai cittadini”, dichiara Di Pangrazio, “occorre che l’ente locale si riappropri della propria autonomia tramite i propri regolamenti e una più incisiva capacità organizzativa. Il Comune deve poter tornare a decidere da solo, dall’interno, riprendendosi lo spazio per la gestione dell’interesse pubblico, senza subire i vincoli normativi, introdotti da Stato e delle Regioni, che peraltro, secondo gli esperti, sono a rischio
di incostituzionalità. In questo senso i servizi erogati ai cittadini non devono essere rigidi, nella struttura e nelle modalità operative, bensì adeguati alle effettive necessità degli utenti; un esempio? Gli orari degli asili comunali che oggi non tengono conto delle esigenze di genitori e bambini. Per modificare concretamente il funzionamento dell’apparato comunale le tecnologie, per quanto importanti, non sono sufficienti; serve un radicale modifica della mentalità di tutti coloro, parte politica, dirigenti e semplici dipendenti; inoltre
è necessario che il lavoro del singolo dipendente venga effettivamente agganciato al risultato. In quest’ottica è stato decisivo il contributo dei dottori commercialisti ai Comuni perché hanno saputo trasmettere al personale una maggiore capacità in termini di
efficienza e di mentalità aziendale. Il nuovo corso della macchina comunale dovrà essere all’insegna della trasparenza
e quindi il Comune, al di là dei semplici auspici, dovrà diventare una vera e propria casa di vetro; tutto ciò, oltreché una necessità, è una precisa indicazione prevista dalle apposite leggi che prevedono una compiuta attuazione della trasparenza entro il 2013”.