The news is by your side.

Ciapi e Cotir finanziati, ma niente al Crab. Il sindaco Di Pangrazio attacca la Regione

Avezzano. Crab bistrattato dalla Regione, il sindaco, Giovanni Di Pangrazio, preso atto del sostanzioso contributo varato dall’Emiciclo a sostegno degli altri due centri di ricerca abruzzesi, il Cotir e il Ciapi, (950mila euro complessivi) scende in pista per reclamare “pari trattamento per il centro di ricerca applicata alle biotecnologie della Marsica. Quella scelta di andare incontro alle criticità economiche dei soli 2 centri dell’area costiera, che conferma un trend penalizzante verso le aree interne”, attacca Di Pangrazio, “rappresenta un vero e proprio affronto per i territori dell’aquilano trattati ancora una volta come cenerentola. Il Crab, e soprattutto i dipendenti, da tempo in cassa integrazione e senza prospettive, sono una risorsa preziosa per l’intera Regione, meritano rispetto, attenzione e uguale dignità al pari delle altre strutture regionali. Il settore agricolo del Fucino è un pilastro fondamentale dell’economia della Marsica che, come altri comparti produttivi, soffre la passaggio di consegne tra Floris e il nuovo sindaco Gianni Di Pangrazio (5)crisi, va sostenuto e rilanciato con il determinante apporto del Crab: il centro  di ricerca è fondamentale per la diffusione dell’innovazione all’intera filiera agro-alimentare, propedeutica alla crescita di un settore strategico per l’Abruzzo”.  Il sindaco, quindi, reclama attenzione per il territorio marsicano. E lancia l’appello al Consiglio regionale, in primis ai rappresentanti della Marsica, affinché il Crab ottenga lo stesso trattamento degli altri centri di ricerca. Di Pangrazio riporta al centro dell’attenzione anche il progetto di legge mirato a ridisegnare l’intero settore della ricerca abruzzese attraverso la nascita del Cria, il Centro regionale unico di ricerca applicata annunciato da tempo dal Presidente Gianni Chiodi.

“Il Cria, secondo gli annunci della Regione”, attacca il primo cittadino di Avezzano, “doveva giungere alla meta in tempi stretti, qui rischiamo i tempi biblici. Visto l’andazzo e questa logica dei due pesi e due misure sui finanziamenti ai centri di ricerca temiamo che la promessa di Chiodi segua la stessa strada dei reiterati impegni sullo sviluppo del Centro di ricerca della Marsica, i cui dipendenti soffrono una situazione di forte disagio e non vedono spiragli all’orizzonte: è tempo di alzare gli occhi per guardare al di là del proprio orticello elettorale ampliando l’orizzonte all’intera regione”. Qui, nella Marsica, c’è il Crab, una struttura fondamentale per l’agricoltura del Fucino e dell’intera Regione: inserita in un contesto regionale, insieme agli altri centri di ricerca, può contribuire al rilancio del comparto agroalimentare, un settore vitale per l’Abruzzo.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto