News in tempo reale

Assolto avezzanese dall’accusa di spaccio, per il giudice fu incastrato da un marocchino

Avezzano. Assolto un giovane ragazzo di Avezzano dall’accusa di detenzione per uso non personale di sostanza stupefacente. La vicenda che ha visto coinvolto il giovane ragazzo M. A., all’epoca dei fatti appena maggiorenne, unitamente ad un altro giovanissimo di nazionalità marocchina, allora minorenne, risale all’ottobre dell’anno 2009. I due ragazzi, a bordo di un’autovettura per le strade della città, vennero fermati in via Napoli da alcuni carabinieri in borghese che in seguito a perquisizione personale e veicolare rinvenivano nella persona del ragazzo di nazionalità marocchina, precisamente nella tasca del giubbotto, otto involucri di cocaina ed un involucro contenente una modestissima quantità di hashish, il tutto confezionato in buste di cellophane. Il giovane marocchino, nel tentativo di scrollarsi ogni responsabilità, accusò l’amico avezzanese di avergli consegnato la sostanza qualche istante prima di essere fermati dalle forze dell’ordine. Nonostante il quantitativo di sostanza stupefacente fosse stato rinvenuto solo ed esclusivamente sulla persona del giovane marocchino e nonostante le dichiarazioni di quest’ultimo, venne indagato per il reato di cessione di sostanze stupefacenti M. A.. Il giovane avezzanese a seguito dell’effettivo andamento dei fatti, della relazione dei Carabinieri intervenuti e dell’effettivo quantitativo di sostanza stupefacente è riuscito a dimostrare la sua estraneità all’intera vicenda e si è visto assolvere con formula piena dal Gip Tribunale di Avezzano Dr. Taviano a seguito di giudizio abbreviato, “perché il fatto non sussiste”. Lo stesso P.M., Dr. M.M. Cerrato, in corso di udienza ha richiesto l’assoluzione dell’imputato, circostanza che ha trovato il pieno consenso della difesa rappresentata dall’avvocato Roberto Verdecchia.