News in tempo reale

Vittoria per l’Autosonia Avezzano Rugby che in casa si impone contro l’Union Rugby Viterbo

Avezzano. Ancora una vittoria per l’Autosonia Avezzano Rugby che sul terreno di casa si impone per 31 a 25 all’Union Rugby Viterbo. I ragazzi gialloneri consapevoli dell’importanza del match partono a testa bassa e dopo 6 minuti, grazie ad un calcio piazzato realizzato da Roberto Lanciotti, sono già in vantaggio. Sulle ali dell’entusiasmo continuano a spingere ed al 10° Filippo Crucitti schiaccia in meta di forza dopo un ottimo lavoro svolto da tutto il reparto di mischia, Lanciotti non fallisce la trasformazione e parziale di 10 a 0. Neanche il tempo di mettere la palla al centro ed il Viterbo, perfettamente orchestrato da Simon Picone, ex mediano di mischia della Nazionale Italiana, accorcia le distanze con il n. 8 Emiliano Cardoso. Al 16° Avezzano ancora in meta con Traore che conclude in tuffo una bella azione della linea dei trequarti, al 22° ed al 25° Roberto Lanciotti, in giornata di grazia, realizza due punizioni portando il parziale sul 21 a 5. Allo scadere del tempo, il Viterbo, approfittando di una ingenuità difensiva, realizza la seconda meta con l’ala Agostani: 21 a 10 alla fine della prima frazione.

L’Avezzano, che finora ha tenuto il pallino del gioco, torna sul terreno di gioco distratto e sicuro di poter realizzare altre due mete per conquistare il bonus, ma non ha fatto i conti con il Viterbo che riesce ad organizzare un ottimo gioco ed in trenta minuti capovolge la situazione grazie a due segnature della terza ala Massimo Pompei, una trasformata da Simone D’Annunzio. Cala il gelo sugli spalti, lo spettro retrocessione è dietro l’angolo, ma i gialloneri si ricompattano e, prima con un calcio piazzato e dopo con una meta trasformata, Roberto Lanciotti mette al sicuro il risultato. A tempo scaduto una punizione di D’Annunzio sancisce il finale di 31 a 25.

“Una partita ricca di emozioni – commenta Luca Terrenzio – potevamo chiuderla nel primo tempo dove abbiamo sciupato almeno due nitide occasioni, poi, dopo il solito calo mentale di inizio secondo tempo, siamo usciti alla distanza grazie anche all’ottima preparazione atletica. Ora ci attende una settimana di lavoro per preparare al meglio la trasferta di Reggio Calabria, sarà una vera e propria finale!! Volevo complimentarmi con tutti i ragazzi, specialmente con quelli rimasti in tribuna che hanno incoraggiato per tutta la durata del match i propri compagni: purtroppo in campo si va in 22 e l’allenatore è costretto a fare delle scelte!”

La formazione marsicana domenica prossima si giocherà tutto sul campo di Reggio Calabria, un successo, obbligatorio, potrebbe anche non bastare, si dovrà attendere l’esito del concomitante incontro Ragusa – Rieti.