News in tempo reale

Vendeva appartamenti mai realizzati, imprenditore avezzanese davanti al giudice con l’accusa di truffa

Avezzano. Intascò centomila euro come acconto per la vendita di alcuni alloggi in un complesso residenziale da costruire. Ora è comparso davanti al giudice del tribunale di Avezzano, Carla Mastelli, con l’accusa di truffa. Si tratta dell’imprenditore, Roberto Mecozzi, 54 anni, di Avezzano, accusato dalla procura di Avezzano di aver provveduto a pubblicizzare e promuovere la vendita di detti alloggi asserendo di aver tutti i titoli per procedere alla vendita e che il progetto era compreso nel piano di lottizzazione deliberato il 30 giugno 2006 dal Comune di Avezzano.

La pubblicità per la vendita dei lotti di detto complesso avvenne via internet su un apposito sito che, secondo la tesi accusatoria, sarebbe stato appositamente creato dall’imputato per attirare clienti interessati all’acquisto di una casa. Un complesso residenziale, peraltro, che avrebbe rappresentato una vera novità per Avezzano sia da un punto di vista residenziale e squisitamente urbanistico, ma anche da un punto di vista architettonico. Considerata la bontà e la convenienza del rapporto fra il prezzo e ciò che sul progetto si offriva, non sono mancati i contatti. In tre casi, inoltre, il contatto si è mutato in un vero e proprio interesse che poi si è trasformato in trattativa e contratto preliminare con tanto di acconto. Il giudice ha rinviato di nuovo l’udienza ad aprile del prossimo anno. Il processo ora rischia di andare per le lunghe e potrebbe esserci la prescrizione.