News in tempo reale

Tornano a Tagliacozzo dagli Stati Uniti per battezzare la bambina: quando la devozione non conosce distanza

 

Tagliacozzo. Tornano dagli Stati Uniti per battezzare la bambina nel Santuario dell’Oriente, di cui sono devoti, e per ripercorrere le tradizioni di Tagliacozzo. La piccola Alina Cecilia ha ricevuto il primo dei sette sacramenti della Chiesa protetta dal manto della Madonna dell’Oriente. La mamma, Annalisa Morgante, con il papà Fabian Tomala e con tutti i familiari, ha voluto così festeggiare l’importante evento nella terra che fu e che è dei genitori.

 

Tutto parte infatti dal nonno della bambina, Nazareno Morgante, ristoratore tagliacozzano che vive a New York da tanti anni, in un legame indissolubile con gli abitanti di Yonkers, cittadina a tre chilometri a nord di Manhattan, dove abita da tempo una nutrita comunità di tagliacozzani emigrati in America a metà del novecento. “Mia figlia è nata a New York”, racconta Morgante, “la sua prima bambina è nata a Washington, ma siamo tutti innamorati di Tagliacozzo dove ci sono ancore dei parenti e delle zie. Abbiamo voluto riunire la famiglia con una la cerimonia commuovente grazie a padre Basilio e per poi festeggiare con una conviviale al Ristorante La Parigina, nella zona antica e caratteristica della cittadina a cui siamo molto legati”. E’ grande la devozione alla Madonna dell’Oriente tanto che la seconda domenica di settembre la patrona si festeggia in contemporanea a Tagliacozzo e a Yonkers.