The news is by your side.

“Ti facciamo fare la fine di Collinzio”. Sul caso delle minacce all’assessore rispunta il giallo sulla morte di D’Orazio

San Benedetto. “Ti facciamo fare la fine di Collinzio”.  Sarebbe questo il tenore delle minacce trovate sull’auto di famiglia dell’assessore all’Ambiente Antonio Cerasani.  Sulla vicenda rispunta quindi  il giallo  di Collinzio D’Orazio su cui sono in corso indagini per omicidio.  L’uomo era stato ritrovato morto, dopo un mese di ricerche, nel fiume Giovenco e ora sono in corso indagini della procura di Avezzano e dei carabinieri.

Come raccontato dallo stesso Cerasani, è stata lasciata una lettera anonima sull’auto del padre, parcheggiata davanti casa, riportante minacce di morte all’assessore e alla sua famiglia. Il motivo, però, non era specificato anche se Cerasani si è fatto un’idea, come affermato da lui stesso: “Non so il motivo qual è…  O forse sì. (Chi vuol capire, capisca).

Al vaglio dei carabinieri di San Benedetto, guidati dal maresciallo Loreto  Colabianchi, ogni possibile ipotesi ma le indagini si restringerebbero all’ambito ambientale. Tutta la famiglia dell’assessore Cerasani da quasi vent’anni  si batte  per scongiurare le scorrettezze perpetrate ai danni dell’ambiente e del territorio, ma sopratutto a tutela dell’ambiente.

Inoltre il padre e la madre sono rispettivamente il presidente e la segretaria della Asd San Benedetto Venere, a cui dedicano con passione tempo e impegno. La mamma, da ben 19 anni, da quando cioè   rivestiva la carica di vicesindaco, ha  iniziato un’aspra battaglia contro  quelli che lei ha sempre definito in questi decenni “i nuovi conquistadores, che mirano solo ad usare il Fucino come fucina dei loro interessi in barba alla salute, alle Igp e alle misure di tutela ambientale, archeologica e idrogeologica”.

La lettera di minacce, ora sequestrata dai carabinieri che stanno eseguendo gli accertamenti anche scientifici,  ricorda i toni intimidatori mafiosi sinora sconosciuti nella terra dei Marsi.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto