News in tempo reale

Terremoto della Marsica, il ricordo del 13 gennaio 1915 nei versi di Duilio De Vincentis

Avezzano. Cade oggi l’anniversario del terremoto che, il 13 gennaio 1915, devastò i paesi della Marsica, provocando più di 30mila vittime. La memoria di quel terribile giorno rivive in questi versi di Duilio De Vincentis (1927 – 2019), scrittore e poeta di San Benedetto dei Marsi, ricordato soprattutto per le sue opere dialettali, tese a esaltare le potenzialità poetiche e letterarie del dialetto e a preservarne la memoria nel tempo (basti ricordare il suo “Glossarje Sambenedittese (spijgate pulite)“, che raccoglie 12mila lemmi).

I tridece de gennare” – Duilio De Vincentis

Che ‘nn’aria triste i tutt’appassiunate
sò vviste mamme, ascise a ‘nne cantòne,
la sò gguardate i ‘ppò ce sò pparlate:
ma’, cu ssi fatte? Cu nte sinte bbone?
Ne mm’ha respòste, ne sguarde solitàrje
ha date solamente a i calentarje.

I trìdece sò vviste élloche sopre,
so reguardate mamme i stéve a ppiagne,
allróre so penzate, mo ì copre…
pérò s’ì copre i jurne ne nze cagne.
Jésse é remaste ascise, tutta mute,
se stéve a rrepenzà a j tarramute.

J’, mute cumme a jésse so rremaste,
ma mamme ha cumenzate a rraccuntà:
Fu de mmatine tutte i disastre,
fu ccumme a ógge parecchj’anni fa.
Cu jurne brutte, pare nn’é Ile vére!
Tutte le Marseche eve ‘na macére.

Che ne mumente tutte fu distrutte,
le case, i crestiane i j’animale;
tutte la tèrre remanétte a llutte,
attorne attorne éve tutte uguale
Mucchje de preée, cu lamente atroce!
I trave ‘ntraverzune fatte a Ccroce.

Tutte ‘na Cròce fu i tarramute,
fu ‘na traggedje, cu delore forte!
Quanta bbona ggente s’é perdute,
i morte accatastate sopre i morte.
Padre, fijje, mamme, famìjje intère
rencavezate sotte le macére.

Dòpe cinqu’ore, méntre j’ rescéve,
la prima scéne che vedétte fu
ne vàjjùlitte spùjje ch’allucchéve:
“Mamme, mamma bbone addò sta mò tu?”
Che Ile manucce, oh! Cu bbrutte dramme!
Cercheve de scavà la bbòne mamme.

Tutt’é passate, tutte s’é refatte,
ma de ‘ste jurne, ‘nnanze a j’occhj a mì,
revede tutti chijje triste fatte
che mme resènte de rabbrividì.
Revede chìjje mucchje, quèlle Croce
i d’alluccà resènte quèlla vòce!

(13 gennaio 1953)

La poesia è stata ripubblicata, in occasione del 105esimo anniversario del terremoto della Marsica, sulla pagina Facebook “Per Duilio De Vincentis“.