News in tempo reale

Tangredi scrive al Ministero del Lavoro: “serve una delega per la trattativa 12 ore Micron?”

Avezzano. Il segretario della Fim-Cisl, Antonello Tangredi, ha scritto al Ministero del Lavoro e delle politiche sociali per portare a conoscenza le istituzioni della vertenza sulle 12 ore alla Micron per la quale ancora non è stata trovata una soluzione. “Nel lontano23 dicembre 1999, fra le scriventi OO. SS. ela MicronTech.Italia s.r.l., con sede in Avezzano (Aq), alla via Pacionotti 7-9, fu stipulato un accordo sindacale di 2° liv. (esclusivamente voluto dalla Compagnia americana) finalizzato alla effettuazione di una turnazione di 12 ore giornaliere con schema che si allega. All’epoca, il Ministero interessato, dal quesito sindacale, circa la possibilità o meno di effettuare una turnazione superiore alle 8 ore, ritenne opportuna e necessaria una deroga sindacale per superare le 8 ore. Successivamente, altri accordi sindacali hanno sancito la deroga di tale o. d. l. arrivando fino al31.12.2011. Il30 settembre 2011, le OO. SS. hanno inviato una lettera alla Micron contente, nei fatti, con decorrenza01.01.12, una disdetta degli accordi su tale o. d. l., pur in presenza di una trattativa di II° liv. Nell’ambito della corrente trattativa di II° liv. le OO. SS. hanno ribadito “che dal 1° gennaio 2012,la Micron sta operando senza deroga sindacale” e, quindi, a parere sindacale, senza la necessaria deroga. La Micron, ritiene invece che, non ci sia bisogno della deroga per proseguire con questa o. d. l. Stanti le questioni per come narrate, si chiede una tempestiva risposta al quesito che ci occupa, ovvero, se vi sia la necessità della deroga sindacale per lo svolgimento di un turno di lavoro, diurno/notturno, superiore alle 8 ore. Per completezza d’informazione, s’informa che alla Micron si applica il C.C.N.L. metalmeccanici industria privata. In attesa di riscontro che potrà essere inviata (una per tutte le OO. SS.) alla FIM-CISL Prov.le di l’Aquila, sede di Avezzano – Via Monte Velino n. 63 – c.a.p. 67051, s’inviano i migliori saluti”.