The news is by your side.

Statua Taccone, anche l’Isweb Avezzano Rugby offre il sostegno alla petizione

152

Avezzano. “Da qualche giorno è stata avviata una petizione con la quale chiedere il collocamento della statua di Vito Taccone a piazza Cavour ad Avezzano, da troppo tempo abbandonata e dismessa. Immediata l’adesione dell’ISWEB Avezzano Rugby che all’interno della clubhouse dello stadio “Angelo Trombetta” di via dei Gladioli, ha predisposto un punto per la raccolta firme”, lo fa sapere in una nota l’ufficio stampa.

“Vito Taccone è stato, ed è, tra i simboli della città di Avezzano”, ha dichiarato il presidente dei gialloneri, Alessandro Seritti. “Le sue gesta sportive hanno dato lustro a questo territorio, evidenziando la passione di un popolo e la voglia di riscatto di una regione intera. Il sostegno è tra i valori principali del nostro movimento, che si contraddistingue proprio per la grande capacità di farsi trovare pronti al momento del bisogno. L’ISWEB Avezzano Rugby scende dunque in campo al fianco del suo ‘Camoscio d’Abruzzo’. Firmiamo tutti questa petizione”.

 

Statua di Taccone sul Salviano, arriva la svolta: Liris annuncia finanziamento della Regione

Intanto questa mattina, l’assessore regionale allo Sport, Guido Liris ha già fatto sapere che: “Accolgo con convinzione l’appello di Francesco Moser di rendere il giusto onore a Vito Taccone, indimenticato ‘camoscio d’Abruzzo’, pluricampione di ciclismo che ha portato alto il nome dell’Abruzzo, nello sport ma non solo”.

Liris ha assunto l’impegno di finanziare il restauro della statua realizzata dall’artista Bruno Morelli e dedicata a Taccone, scomparso nell’ottobre 2007, per la quale c’è stata anche una petizione popolare.
“La Regione”, ha annunciato questa mattina l’assessore in una nota, “si farà carico della spesa per il restauro dell’opera, rubata nel 2014 sul valico del Monte Salviano, recuperata
“Come dimostrano le parole di Moser”, aggiunge Liris, “Taccone con la sua carriera ha contribuito a far conoscere Avezzano e l’Abruzzo fuori dai confini regionali. Perciò questa comunità non può dimenticarlo e tantomeno offendere la sua memoria relegando a un magazzino la statua che lo celebra”.
“L’assessorato allo Sport”, conclude l’assessore, “senza indugi reperirà le risorse necessarie per sistemare la statua che, auspichiamo, trovi poi la giusta collocazione nella città di Avezzano”.