The news is by your side.

Settimana cruciale per le amministrative avezzanesi: csx e cdx al lavoro sui candidati ma il civismo cerca la quadra

Avezzano. Si apre una settimana cruciale per le amministrative avezzanesi, tra chi ufficializzerà la propria discesa in campo, chi sceglierà da che parte stare e chi, invece, dovrà fare chiarezza sulle proprie intenzioni. Nel primo caso ci riferiamo a Mario Babbo che mercoledì presenterà alla città il proprio programma e il gruppo con cui porterà avanti il proprio progetto alle amministrative di primavera.

L’avvocato avezzanese, da otto anni presente nella politica di città, potrebbe scendere in campo con quattro liste a supporto, composte da gente proveniente sia dal mondo civico che da quello politico, sia alla prima esperienza che all’ennesima. Un mix di esperienza e freschezza che sulla carta dovrebbe fare da outsider alle due coalizioni di centrodestra e centrosinistra.

Il civismo è sempre più ago della bilancia e Babbo, dunque, si gioca le sue chance con un progetto le cui fondamenta sono state gettate in estate. Chi da uomo di partito passa a indossare i panni del civico è Domenico Di Berardino. L’ex presidente del consiglio comunale, dopo una lunga parentesi spesa all’interno del Partito Democratio, ha dato vita al movimento civico “Avezzano al Centro” assieme a Ignazio Iucci. Di Berardino, dopo aver scelto di non rinnovare con il Pd è stato a lungo avvicinato a Italia Viva, partito fondato lo scorso settembre dall’ex premier Matteo Renzi. Ora la domanda che tutti si fanno è: appoggerà un gruppo civico (quello di Babbo, quello di Pierleoni o quello di Silvagni?) oppure il suo ex partito e quindi la coalizione di centrosinistra?

Proprio in casa centrosinistra si intensificano le interlocuzioni per trovare colui che meglio sarà in grado di rappresentare la coalizione. Da un lato vi è Giuseppe Di Pangrazio che sembrerebbe l’indiziato numero uno per correre alla carica di primo cittadino, anche in virtù della grande esperienza accumulata in questi anni, mentre dall’altro vi è Lorenza Panei che sull’argomento tace ma che negli ambienti è molto stimata, soprattutto per il lavoro svolto con le donne democratiche.

In casa centrodestra, invece, la situazione è pressoché immutata rispetto alle ultime ore. Per prima cosa occorrerà conoscere il nome del partito che dovrà presentare il candidato sindaco per la coalizione – e questo avverrà solo dopo la riunione del tavolo nazionale – e poi perché se è vero che la Lega è il partito che tra i tre può vantare numeri maggiori, non è detto che riesca a esprimere un candidato in grado di piacere a tutti. Con la rinuncia di Leonardo Sterpetti i nomi che restano sul tavolo sono quelli di Lorenzo De Cesare e Sandro Stirpe. Si raffredda quello di Umberto Occhiuzzi.

Nel caso in cui l’onere e l’onore dovessero toccare a Fratelli d’Italia, a scendere in campo potrebbe essere uno tra Mario Quaglieri, Maurizio Bianchini, Armando Floris e Walter Di Bastiano. Qualora, invece, dovesse spettare a Forza Italia non ci sentiamo di portare avanti alcun altro nome se non quello dell’ex sindaco di Avezzano e attuale coordinatore provinciale Gabriele De Angelis. Insomma, la sensazione è che in settimana ci sarà un’accelerata su diversi assetti che, pur se non definitivi – d’altronde il tempo è ancora a disposizione delle strategie politiche – potrebbe dare un quadro d’insieme aggiornato e verosimile.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto