News in tempo reale

Santomaggio: 40mila sprecati per un nuovo giornale e consulenze, potevano servire per i Musp

Avezzano. Santomaggio punta il dito contro l’amministrazione comunale: sperperate il denaro quando servirebbe per affittare i Musp. Con una delibera di giunta è stato riconfermato nello staff dell’amministrazione comunale Sergio Natalia, ex sindaco di Canistro, che già aveva avuto l’incarica lo scorso anno e con un’altra è stato creato un nuovo prodotto editoriale dal titolo “Il Filo Comune di Avezzano”, in sostituzione della precedente testata giornalistica denominata “Il Comune Informa”. L’amministrazione ha deciso di dare di nuovo mandato a Natalia “le attività di supporto alle funzioni di indirizzo e controllo attribuite al sindaco e alla giunta. Considerata la consolidata esperienza maturata, Natalia potrà assicurare anche un’attività di supporto per le politiche comunitarie Consiglio comunale Avezzano Santomaggioe progetti regionali, nazionali ed europei di finanziamento, e quindi con risparmio di spesa per l’Ente”. Con un’altra delibera, poi poi, è stato deciso di dare vita a un mezzo per far conoscere, diffondere e divulgare comunicazioni istituzionali e messaggi significativi dell’amministrazione comunale di Avezzano e delle sue varie articolazioni, con all’interno un inserto sulle attività del teatro comunale. Per la sua attività Natalia riceverà 20mila euro l’anno e altri 20mila serviranno per il giornale. “Questo sindaco ha le mani bucate”, ha commentato l’esponente dell’opposizione, “pur essendo Natalia un bravo professionista forse i 20mila euro suoi e i 20 del giornale dovevano essere spesi per altro. Penso per esempio ai Musp che potrebbero dare serenità a tante mamme. In questo momento non è opportuno che il sindaco spenda i soldi per queste inutili e irragionevoli iniziative”. La risposta di Natalia non si è fatta attendere. “In questo momento sarebbe il caso di avere tutti un atteggiamento di grande responsabilità”, ha precisato, “come accadde quando ci fu il terremoto dell’Aquila e maggioranza e opposizione lavorarono insieme”.