News in tempo reale

Santa Croce con Mineracqua, parte subito l’ammodernamento dello stabilimento

Canistro. Sorgente Santa Croce S.p.A. è entrata a far parte di Mineracqua, la federazione italiana delle industrie delle acque minerali naturali, acque di sorgente e bevande, che riunisce oltre 20 aziende associate. Con l’ingresso in Mineracqua − già presente in Confindustria, Conai (Consorzio nazionale imballaggi), Federalimentare e nella “European Federation of Bottled Waters” (EFBW) − la società conferma il suo forte impegno al servizio del settore e per la tutela dei consumatori. L’azienda abruzzese ha inoltre avviato un processo di ammodernamento del suo stabilimento produttivo di Canistro volto al miglioramento della produttività e all’efficientamento energetico. Nel 2007 la Colella Holding S.r.l. di Camillo Colella ha rilevato al 100% la società − operante nel settore dell’acqua minerale dal 1975 − ereditando una complessa situazione aziendale caratterizzata da inefficienti strutture organizzative, nonché da elevati costi di gestione. Nel corso dei primi tre anni, si è impegnata nella sua riorganizzazione amministrativa, tecnica, produttiva e commerciale. I nuovi investimenti messi in campo riguardano l’ammodernamento della sala Camillo Colella della Santa Crocecompressori dello stabilimento con un investimento di circa 500 mila euro attraverso l’installazione di macchine di ultima generazione Atlas. Il principale obiettivo della ristrutturazione è il mantenimento in bonis della società al fine di valorizzarne meglio il patrimonio e candidare la management company al ruolo di operatore professionale nel settore di riferimento, con uno stabilimento sempre più all’avanguardia. L’acqua Santa Croce è nota per le sue proprietà benefiche, uniche nel settore delle acque minerali: sgorga a 800 metri di altezza sul colle Cotardo, nel cuore incontaminato dell’Appennino centrale, senza subire alcuna azione e mantenendo la sua purezza originaria. Il basso tasso di sodio (solo 0.95 mg/l) la rende particolarmente indicata nelle diete iposodiche, mentre il residuo fisso di 180 mg/l garantisce all’organismo il giusto apporto di sali minerali, favorendo la diuresi e agendo positivamente sul metabolismo epatico e il ricambio renale. Inoltre, il basso contenuto di nitrato (solo 1,2 mg/l) la rende particolarmente indicata per i bambini e le donne in gravidanza.