News in tempo reale

San Benedetto dei Marsi avrà una nuova scuola, da domani partono i lavori

Il sindaco D'Orazio: "L'Everest burocratico è stato finalmente scalato"

San Benedetto dei Marsi. È stato firmato il contratto per la costruzione della nuova scuola di San Benedetto dei Marsi, domani partono i lavori. A darne notizia Quirino D’Orazio, sindaco del paese.

“Anche l’ultimo adempimento burocratico finalmente è stato portato a termine”, sottolinea il primo cittadino di San Benedetto dei Marsi, “con la sottoscrizione del contratto, si è provveduto anche a consegnare il cantiere alla società aggiudicataria della gara d’appalto. È per la nostra amministrazione un giorno importantissimo. L’impressionante e gigantesco “Everest burocratico” è stato scalato. Mercoledì inizieremo a toccare con mano il frutto di un estenuante lavoro, che ci ha visti occupati, senza tregua, per ben sette lunghissimi anni, durante i quali abbiamo dovuto superare ostacoli inenarrabili e molte notti insonni”.

“Il conto alla rovescia è già iniziato”, precisa D’Orazio, “non mi sembra ancora vero, ma tra circa 30 ore, uno dei sogni più importanti per la nostra comunità, comincerà a prendere corpo. Non esistono parole per ringraziare tutti coloro che si sono impegnati per questo ambizioso, avvenieristico, colossale e folle percorso. A loro, al titolare dell’Usrc, Raffaello Fico e ai tecnici Francesco Mattucci, Nadia Marcantonio, Daniela Baliva, Roberta Grasso, al coordinatore della struttura di missione presso la presidenza del Consiglio dei Ministri, Fabrizio Curcio ed all’insostituibile Alessia Placidi, a tutti i dipendenti comunali, in particolare all’architetto Antonio Colantonio, Maurizio Iori, al nostro segretario comunale, Assunta D’Agostino, Domenico Palumbo, quale supporto al rup, al gruppo dei progettisti, capitanati da Giuseppe Santilli”.
“Alla società Antonio Buono srl che si è aggiudicata i lavori”, conclude il sindaco, “va il mio più grande in bocca al lupo per l’inizio di questa nuova e straordinaria avventura, che trasformerà in meglio il nostro amato paese”.