News in tempo reale

Sala gessi, il tribunale per i diritti del malato chiede alla Asl un nuovo ambulatorio

Avezzano. Ispezione del tribunale per i diritti del malato nella sala gessi dell’ospedale della città. Il responsabile, Stefano Di Giuseppe, chiede di trasferire immediatamente la sala in un’altra struttura più idonea. “Durante la supervisione del presidio ospedaliero di Avezzano il tribunale per i diritti del malato ha potuto notare il grande disagio che il malato vive durante l’attesa per la visita in sala gessi”, ha spiegato Di Giuseppe, “tale malessere è stato confermato dai malati stessi che attendevano il loro turno nell’unità operativa sala gessi. I malati ci hanno riferito che per essere visitati in sala gessi l’iter è lunghissimo, nonostante  gran parte degli utenti abbiano già provveduto a prendere l’appuntamento attraverso il Cup Il nuovo pronto soccorso di Avezzano (2)l’attesa è dura per ore ed ore. A detta del malato e riscontrato anche dalla supervisione del volontario del Tdm, l’interminabile fila è dovuta anche dalle urgenze del pronto soccorso. Il primario di ortopedia il dottor Sergio Iarussi ci ha confermato che i malati che provengono dal pronto soccorso devono prendere il numero per la fila in sala gessi in quanto il pronto soccorso non comunica l’arrivo del  paziente in sala gessi. Oltre a queste problematiche il malato si trova ogni giorno a fare i conti non solo con file infinite per essere visitato ma anche alla mancanza del personale e a spazi limitati, angusti, senza ricambio d’aria,  in sole due stanze microscopiche. Per di più il corridoio sito all’interno degli ambulatori di sala gessi è stretto e il personale trova grande difficoltà a muoversi all’interno degli ambulatori dal momento in cui si trova a gestire lettighe o carrozzine provenienti dal pronto soccorso. Il tribunale per i diritti del malato chiede alla Asl di trasferire immediatamente gli ambulatori sala gessi in quanto non rispecchiano minimamente spazi appropriati per svolgere un lavoro efficace ed efficiente con il malato”.