The news is by your side.

Ripartono i centri estetici: prenotazioni, sanificazione massiccia e dpi monouso. Parola agli esperti

Avezzano. “Pronti a ripartire, nonostante la recente ordinanza di ripresa attività da parte della Regione Abruzzo sia arrivata in via del tutto inaspettata e anticipatoria, costringendoci a una corsa contro il tempo per reperire il materiale necessario al fine di mettere in sicurezza il locale“. A dichiararlo è Michela Giannantoni, proprietaria del centro estetico Voglia di Bellezza di Ortucchio. Parrucchieri e centri estetici sono stati al centro dell’attenzione in queste ultime due settimane, al tal punto da creare un vero e proprio dibattito sull’opportunità di riapertura. Ora ci siamo, la Fase 2 è entrata nel vivo e la possibilità di voltare pagina sembra esserci.

Prima del lockdown riuscivamo a servire diverse persone all’ora, anche se molto dipende dal servizio e dalla durata del trattamento. Adesso possiamo farne una ogni ora e non possiamo sovrapporre diversi servizi. Si deve gestire tutto con orari ben precisi. Ci sono restrizioni fortissime, ma è giusto che sia così: prima la tutela della salute. Dopo queste accortezze potremo garantire un servizio più preciso e più calmo, e, sotto certi punti di vista, forse possiamo dire che va bene così“.

Tra un cliente e l’altro deve passare almeno mezz’ora per la sterilizzazione della cabina. Tutto è mono uso (copriscarpe, kimono, guanti, dpi e gel igienizzanti, e ciò che non lo è viene igienizzato). Un’attenzione alla sanificazione, quella a cui siamo chiamati noi privati, che è difficile trovare in giro!

Personalmente non è cambiato molto, perché adottiamo queste precauzioni da sempre. Qualcosa verrà modificato, certamente: dovremo togliere alcuni dispenser, alcuni quadri e le riviste. Ma si riparte e va bene così. Ci saranno maggiori accortezze e maggiori protocolli di sicurezza. Ci sarà meno affluenza, ma il locale sarà più libero. Si lavora solo ed esclusivamente su prenotazione. L’importante è che si riparta, superando allarmismi talvolta non giustificati.  Sono quattordici anni che lavoro, non avrei mai pensato di vivere questa situazione. Non vedo l’ora di rivedere i miei clienti!“, conclude Michela.

Potrebbe piacerti anche