The news is by your side.
10D 2

Reparto al buio da mesi nell’ospedale di Avezzano. La causa sarebbe da imputare a una lampadina rotta e mai sostituita

Avezzano. “La sicurezza degli operatori sanitari e quella dei degenti ricoverati nei reparti di appartenenza dell’ospedale di Avezzano è un comune denominatore fondamentale per la prevenzione degli infortuni che possono verificarsi durante le ore notturne, in un sistema sanitario oramai claudicante e con numerosi problemi da risolvere.

Nel nostro caso, l’anomalia riscontrata in un reparto del nosocomio marsicano ha davvero dell’incredibile: una semplice lampada notturna a neon non funzionante da circa 2 mesi non è stata ancora riparata, con conseguente rischio di cadute o scivolamenti per riduzione della visibilità da parte dei degenti che si recano in bagno durante la notte. Ci chiediamo: è così difficile procedere con formale richiesta di assistenza per la sistemazione del punto luce? Che cosa aspettano i referenti infermieristici a farne segnalazione per una riparazione tempestiva atta a prevenire infortuni sia per gli operatori sanitari che per i degenti? Confidiamo in una seria presa in considerazione della problematica sopra esposta dalle autorità competenti, anche per la riparazione delle spie luminose delle uscite di emergenza. Per il momento è tutto, ma è buio pesto.”. Questa la testimonianza inviataci da Enzo Partigiani, allegando le seguenti foto.

 

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto