The news is by your side.

Proteste per il cambio del percorso storico della processione, i fedeli stampano una locandina per manifestare la loro delusione

Foto: Luco dei Marsi è il mio paese

Luco dei Marsi. In paese monta una protesta contro il parroco Don Giuseppe Ermili, che quest’anno ha deciso di cambiare il tradizionale percorso della processione del venerdì santo. Alcuni fedeli, che si firmano come “parrocchiani delusi e offesi”, hanno persino stampato una locandina che hanno poi distribuito nei luoghi pubblici del paese, oltre che fatto girare sui social.

Nella locandina i parrocchiani se la prendono con il prete che ha spostato l’orario e il percorso della processione, cambiando quello storico, e adeguandolo al percorso delle altre processioni patronali. I fedeli non usano mezzi termini e condannano questa scelta oltre che come immotivata, anche lesiva delle tradizioni secolari del paese. Il vecchio percorso, che andava dal convento dei frati cappuccini alla chiesa di Santa Maria, secondo i parrocchiani delusi era preferibile perché era come se abbracciasse l’intero paese. Le proteste, manifestate da una larga rappresentanza dei fedeli già anche qualche anno fa, adesso si fanno ancora più accese e aspre, tanto che qualcuno in paese inizia a chiedersi persino se valga la pena continuare ad organizzare la processione del venerdì santo in questo clima di attrito che si è creato tra una parte dei fedeli e il parroco. La processione, infatti, non è un atto liturgico e quindi, come tale, non è necessario allo svolgimento dei festeggiamenti e dei riti religiosi pasquali.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto