The news is by your side.

Pro Loco di Avezzano: presentazione V Tavola rotonda di etnomusicologia

1.978

Avezzano. Martedì 23 novembre, dalle ore 11:00 alle ore 13:00, nell’aula tesi del Polo didattico “D’Annunzio” della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Teramo, sarà presentato il volume Dialoghi abruzzesi tra memoria e futuro, contenente gli atti della V Tavola rotonda di etnomusicologia (Anno V, 2020), realizzato per l’impegno della Pro Loco di Avezzano ed edito da Edizioni Kirke.

 

La presentazione-seminario sarà rivolta agli studenti dei corsi di musicologia applicata (DAMS), ricerca e progettazione per la musica (MAC) e antropologia culturale (SCOM), con la finalità di promuovere e condividere temi e prodotti della ricerca sul territorio regionale.

 

Il prof. Christian Corsi, Preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Teramo, patrocinante della V Tavola di Etnomusicologia, e la prof.ssa Paola Besutti, Presidente del corso di laurea DAMS di Teramo, musicologa e fra gli autori del volume, porteranno i saluti dell’Università.

 

Dopo l’intervento del vicepresidente della Pro Loco e curatore del Centro Studi Marsicani, prof. Ilio Leonio, che introdurrà il tema del ruolo delle Pro Loco nella valorizzazione del patrimonio culturale e immateriale dei territori,  la presentazione si svolgerà a più voci, alla presenza della curatrice del volume, la dott.ssa Francesca Piccone, e degli autori; sarà inoltre presente la dott.ssa Gioia Chiostri, direttrice responsabile dell’emittente regionale InfoMediaNews, che lo scorso novembre 2020, causa le restrizioni pandemiche vigenti, ha brillantemente condotto la diretta streaming della V Tavola rotonda, garantendone una diffusione nelle scuole, nelle università abruzzesi e fra studiosi, cultori, cantori.

 

Fra i partner di rilievo che possono vantare le attività culturali della Pro Loco di Avezzano, la V Tavola ha visto anche la Facoltà di Scienze della Comunicazione e il corso di Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (DAMS), in una prospettiva di continuo dialogo sul piano della formazione, della ricerca e della conoscenza e sul versante della valorizzazione della memoria immateriale della nostra Regione.