The news is by your side.

Prevenzione cardiovascolare, al via progetto sociale-scientifico. Prevista formazione di commercianti, associazioni e cittadini

Iniziativa promossa dall'organizzazione scientifica "Le battaglie cardiologiche"

Avezzano. Un progetto per la  prevenzione cardiovascolare e le pratiche di utilizzo dei defibrillatori che porterà alla copertura sul territorio anche nei punti chiave di Avezzano. Tra gli scopi di questo progetto sociale, medico e culturale quello di avere una città più sicura e meno vittime di questa patologia, prima causa di morte in Occidente.

L’iniziativa, legata a questa importante questione sociale e sanitaria, permetterà la formazione di commercianti, associazioni, e semplici cittadini per l’utilizzo dei defibrillatori semiautomatici che si trovano in centro e nei diversi quartieri del capoluogo marsicano. Tutto nasce dall’ultima iniziativa messa in campo dell’organizzazione scientifica “Le battaglie cardiologiche”, fondata e diretta dal cardiologo Leonello Guarracini.

Nella giornata di prevenzione alla Pinguino Village, guidata da Nazzareno Di Matteo, sempre sensibile a queste tematiche di prevenzione, il 18 maggio prossimo ci sarà la formazione di 18 persone che saranno in grado grazie al corso di formazione di utilizzare i defibrillatori cittadini. “Abbiamo pensato a un luogo simbolo come la Pinguino”, ha spiegato Guarracini, “che per prima anni fa accolse insieme alla Metrò la proposta di dar vita a una rete di defibrillatori sul territorio”.

La proposta partì dall’intuizione del cardiologo Stefano Guarracini. “Ora le battaglie cardiologiche”, ha sottolineato Leonello Guarracini, “diventano vere e proprie battaglie sociali con tre step fondamentali: una lotta ai fattori di rischio cardiovascolari e oncologici, prevenzione della morte improvvisa negli sportivi e defibrillazione veloce nel territorio”.

La patologia cardiovascolare è ancora la prima causa di morte nel mondo occidentale. L’iniziativa del 18 maggio prevede un programma culturale che porta alla consapevolezza dei fattori di rischio come fumo, obesità, ipertensione, diabete colesterolo, stress. Difetti che iniziano da bambini e per tale motivo il progetto sarà avviato anche nelle scuole. Le amministrazioni comunali di Aielli e Luco dei Marsi hanno già espresso l’intenzione di aderire. Collaboreranno al piano varie associazioni del territorio tra cui “Presenza culturale, amici di Romolo Liberale” e “Associazione diabetici marsicana”.

Il programma della giornata di lavori, prevede l’intervento della dottoressa Cristina Di Nicola su alimentazione corretta e fake news alimentari, del dottor Pietro Mercuri su cuore, diabete e obesità, dottoressa Luisa Cesario su alcol e droghe come fattore di rischio e del dottor Libero Liberale sui benefici dell’attività fisica.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto