The news is by your side.

Poste Italiane celebra la Festa della Musica: cartoline disponibili ad Avezzano e Tagliacozzo (FOTO)

202

Avezzano. Anche nella Marsica Poste Italiane celebra la Festa della Musica, in programma il 21 giugno in tutto il mondo. L’evento, nato in Francia nel 1982 da un’iniziativa del Ministero della Cultura, è diventato un fenomeno sociale a partire dal 1985, Anno europeo della Musica.

In Italia sono numerosi i concerti di musica dal vivo che si svolgono ogni anno, il 21 giugno, nelle
principali città con la partecipazione di musicisti di ogni livello e di ogni genere. Poste Italiane ha voluto dare il suo contributo per la ripartenza di un settore molto provato, realizzando tre cartoline filateliche: la prima raffigura il manifesto dell’edizione 2021 a cura dell’Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica e le altre due nel ricordo di grandi protagonisti della musica italiana, Rino Gaetano e Ezio Bosso, ai quali sono stati dedicati i francobolli emessi il 21 maggio scorso.

Nella Marsica, le cartoline saranno disponibili negli uffici postali con sportello filatelico di Avezzano
(via Cavalieri di Vittorio Veneto) e Tagliacozzo, dove lunedì 21 giugno sarà possibile richiedere
anche l’annullo speciale dedicato all’evento.

Sul sito https://filatelia.poste.it, il nuovo portale dedicato interamente al mondo della filatelia, gli
appassionati avranno nei prossimi giorni anche la possibilità di ricevere a mezzo posta il materiale
filatelico realizzato per l’occasione. All’interno della sezione “Catalogo”, infatti, sarà disponibile il kit
da collezione “Spedisci la tua musica”, con le tre cartoline realizzate per l’occasione. Le cartoline
saranno affrancate, per poter essere spedite, dai corrispettivi francobolli di Ezio Bosso e Rino
Gaetano, mentre la cartolina della promozione della Festa della Musica dal francobollo di Pino
Daniele. Sempre sul sito di Filatelia sarà disponibile anche il kit “Ascolta la tua musica”, che racchiude le cartelle con i tre vinili realizzati per Lucio Dalla, Giorgio Gaber e Domenico Modugno.