The news is by your side.

Percettori del reddito di cittadinanza al lavoro con tre progetti utili alla collettività

Al via da lunedì i primi due progetti varati dal Comune di Avezzano

2.236

Avezzano. L’operazione che prevede il coinvolgimento dei percettori del reddito di cittadinanza entra nel vivo lunedì, quando i 23 beneficiari del Rdc verranno coinvolti nei progetti “Comune in sicurezza” e “Avezzano nel cuore” con lavori utili alla collettività. Un progetto che nasce dalla volontà dell’amministrazione Di Pangrazio di puntare all’inclusione sociale.

Altri 15 inizieranno le attività previste dal progetto “Mercato protetto” (il mercoledì e il sabato) entro la fine del mese. Globalmente per i tre progetti, con durata tra gli 8 e i 18 mesi in formula rotativa trimestrale, saranno coinvolti circa 150 beneficiari del Rdc.

“Questa formula operativa per il reddito di cittadinanza”, afferma Domenico Di Berardino, vice sindaco con delega al settore sociale, “va nella direzione giusta poiché impegna chi usufruisce del sostegno dello Stato a ridare qualcosa alla collettività. È giusto dare una mano a chi vive in una situazione di difficoltà, però con l’obiettivo di stimolare il fare”.

Si parte, quindi, con i primi due progetti, mentre a palazzo di città, il settore sociale diretto da Maria Laura Ottavi, in collaborazione con i lavori pubblici, acquisiti i nominativi degli assegnatari del Rdc dal centro per l’impiego (in aggiunta a quelli in carico al Comune) pigia sull’acceleratore per avviare i nuovi corsi di formazione e le visite per consentire agli altri 15 percettori del Rdc di esercitare le attività di controllo del distanziamento sociale nei due mercati cittadini. Il piano dell’Ente prevede la chiamata a rotazione trimestrale dei beneficiari del Rdc.

I 15 percettori del Rdc del progetto “Comune in sicurezza” saranno impegnati a supporto degli operai comunali nella manutenzione e cura degli spazi urbani e delle aree verdi pubbliche, pulizia di strade e marciapiedi, mentre i colleghi di “Avezzano nel cuore” vigileranno gli accessi agli edifici pubblici di via Vezzia (settore sociale e ragioneria) e della palestra “Leonardo da Vinci” location dove presenteranno le domande i cittadini interessati a un altro progetto sociale del Comune. A seguire entreranno in azione anche i colleghi del progetto “Mercato protetto”. Al termine dei tre mesi scatterà la rotazione. L’impegno lavorativo varia dalle 8 alle 16 ore settimanali. “Il lavoro”, sottolinea il sindaco, Gianni Di Pangrazio, “è dignità. I progetti del Comune legati al reddito di cittadinanza hanno proprio questo obiettivo: trasformare il sussidio dello Stato in una sorta di interscambio etico che supera il vecchio modello divano”.