News in tempo reale

Niente comunione alle persone unite in matrimonio civilmente, interviene don Aldo

Avezzano. Comunicione a conviventi o coppie sposate civilmente, interviene don Aldo Antonelli. “Circola su Internet una foto che ritrae in Avviso Parrocchiale che dice testualemte: “si ricorda che le persone sposate civilmente o conviventi non possono ricevere l’eucarestia””, ha spiegato don Aldo, “la foto di questo “Avviso” se non è vera è comunque verosimile.Denuncio la chiesa che così si esprime per abuso di potere.Denuncio il sacerdote che ha scritto queste cose per concorrenza in reato.Ci sono delle verità scomode, nella chiesa, che vengono sistematicamente rimosse e/o travisate.Una di queste verità è che nel matrimonio i ministri del sacramento sono gli sposi. Lo abbiamo Don Aldo Antonelli (2)imparato a memoria dal catechismo, noi più anzianotti: il catechismo di S. Pio X! I ministri del sacramento del Matrimonio sono gli sposi!Gli sposi, amandosi, fanno sacramento! E il sacerdote è semplicemente un “assistente”! E il luogo poco conta.E non penso che tutti i matrimoni “dichiarati” in un Municipio siano sterco del demonio (“peccato” in linguaggio clericale) e tutti i matrimoni “dichiarati”  in una chiesa siano distillati di Grazia! Ivan Illich, grande sociologo, filosofo e teologo nel suo libro “I fiumi a Nord del futuro” scrive: “Il giuramento matrimoniale legalizza l’ amore, e il peccato diventa una categoria giuridica. Cristo è venuto a liberarci dalla legge, ma il Cristianesimo ha permesso che la mentalità legale fosse riportata proprio nel cuore dell’amore” (p.75)!