News in tempo reale

Mini tende una mano a Paraninfi: ho fatto un appunto tecnico, ma sono pronto a collaborare

Oricola. Il consigliere di opposizione Vincenzo Mini, interviene nuovamente, in risposta ad alcune osservazioni evidenziate di recente dal sindaco Antonio Paraninfi  in merito a presunte irregolarità riscontrate nella pubblicazione dei risultati delle elezioni amministrative dello scorso maggio. “Non ho nessuna intenzione di attaccare nessuno”, ha affermato Mini, “tanto meno i dipendenti comunali. Pertanto, ribadisco di nuovo, il consigliere comunale di minoranza, svolge un’azione amministrativa propositiva, costruttiva e di stimolo ma anche, di un attento controllo su ogni atto e decisione che il governo comunale prenderà, mi auguro, per il bene comune di tutti i cittadini”. Inoltre, prosegue Vincenzo Mini: “mi auguro che al più presto, il sottoscritto, possa dialogare con chi governa il comune di Oricola sui contenuti della loro azione di governo. La critica che io ho fatto, non è all’amministrazione comunale (anche io, sono un amministratore di minoranza) ma, alla vincenzo-minigiunta-maggioranza. Poi, in ogni buon conto, chi svolge una funzione pubblica, svolge anche funzioni di rilievo pubblicistica. Quindi”, aggiunge Vincenzo Mini, “trattasi di questione di lana caprina. Però, il fatto rimane: non hanno affisso il  manifesto con data 30 maggio, il trenta maggio, ripeto,  prima del guasto anche perché, esistono documenti messi sul sito con data 31 maggio oltre poi, a non averci notificato la nomina (questo lo fanno passare sotto silenzio). Ammetto che”, conclude Vincenzo Mini, “non ho comunicato il domicilio ad Oricola, perché  ho la residenza in Oricola, tanto è vero che, la notifica del primo ed unico consiglio, sino ad oggi, mi è stata notificata. (la comunicazione è necessaria se il consigliere risiede fuori comune o intende farsi notificare in altro luogo diverso dalla residenza). Si, non sono l’unica minoranza ma, questo, non è stato da me mai affermato”. Massimo Mazzetti