The news is by your side.

Emergenza maltempo, colpiti i campi del Fucino. Pezzopane: danni enormi, Centinaio ci metta la faccia

Avezzano. “Quanto avvenuto in Abruzzo è davvero sconvolgente, grandine e pioggia hanno provocato danni enormi”.

Commenta con queste parole la forte ondata di maltempo e la violenta grandinata che ha colpito nel pomeriggio di ieri l’Abruzzo.

 

Piogge intense che, come raccontato da MarsicaLive, non hanno risparmiato i campi, causando l’allagamento delle colture nel Fucino.

“Chiediamo interventi immediati da parte del governo”, spiega la deputata del Pd, “per venire incontro alle popolazioni colpite. Il ministro dell’Agricoltura Centinaio ci metta la faccia, venga subito in Abruzzo e convochi le associazioni agricole per un primo bilancio e per affrontare le emergenze. Ogni imprenditore e ogni agricoltore si è subito rimboccato le maniche per tamponare, ma qui è un disastro”.

“Tutto il territorio dei campi del Fucino”, precisa la Pezzopane, “il cosiddetto orto di Roma, ha subito danni enormi, intere aree coltivate sono allagate. Adesso occorre compiere ogni sforzo possibile per resistere a una stagione agricola già drammaticamente compromessa dalla pioggia di maggio”.

“Ho compiuto un primo sopralluogo sul posto e la situazione è allarmante, in alcuni casi disperata. Le precipitazioni di queste ore ci impongono di mettere in agenda il tema del clima”, conclude la deputata, “non si può più chiudere gli occhi dinnanzi anche alle nostre colpe, alla nostra miopia e incapacità nel prendere di petto la questione del cambiamento climatico”.

 

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto