News in tempo reale

L’elettronica per l’auto parla tedesco

Microcontrollori avanzati per l’automotive infotainment, soluzioni all’avanguardia nel settore dell’elettromobilità, risparmio energetico, sostenibilità: ecco solo alcuni dei tanti temi trattati in occasione della recente edizione di electronica 2010 presso i padiglioni della Fiera di Monaco di Baviera. Evento internazionale di grande rilevanza tecnica e commerciale, che ha sottolineato ancora una volta quanto la convergenza fra il mondo del silicio e quello dell’automobile sia sempre più stretta, electronica 2010 ha chiuso i battenti con un grande riscontro di pubblico (più di 70.000 i visitatori) e con un numero di espositori di tutto riguardo (2585), quasi il 50% dei quali presenti in fiera con prodotti e applicazioni elettroniche per l’auto. Il settore automobilistico è stato infatti il vero centro portante della kermesse bavarese dell’elettronica, sostenuto da un grande congresso internazionale sulle tematiche automotive (320 i partecipanti provenienti da 23 Paesi diversi) e da un “automotive Forum”. Una quattro giorni, insomma, in cui sono state affrontate tutte le tematiche “elettroniche” della motoristica, sia essa tradizionale sia nei suoi aspetti più all’avanguardia: dall’elettromobilità a due e quattro ruote ai sistemi di risparmio energetico, dall’automotive infotainment ai dispositivi più avanzati per l’illuminazione e il controllo elettronico del veicolo.

L’elettronica per l’auto parla tedesco
Microcontrollori avanzati per l’automotive infotainment, soluzioni all’avanguardia nel settore dell’elettromobilità, risparmio energetico, sostenibilità: ecco solo alcuni dei tanti temi trattati in occasione della recente edizione di electronica 2010 presso i padiglioni della Fiera di Monaco di Baviera. Evento internazionale di grande rilevanza tecnica e commerciale, che ha sottolineato ancora una volta quanto la convergenza fra il mondo del silicio e quello dell’automobile sia sempre più stretta, electronica 2010 ha chiuso i battenti con un grande riscontro di pubblico (più di 70.000 i visitatori) e con un numero di espositori di tutto riguardo (2585), quasi il 50% dei quali presenti in fiera con prodotti e applicazioni elettroniche per l’auto. Il settore automobilistico è stato infatti il vero centro portante della kermesse bavarese dell’elettronica, sostenuto da un grande congresso internazionale sulle tematiche automotive (320 i partecipanti provenienti da 23 Paesi diversi) e da un “automotive Forum”. Una quattro giorni, insomma, in cui sono state affrontate tutte le tematiche “elettroniche” della motoristica, sia essa tradizionale sia nei suoi aspetti più all’avanguardia: dall’elettromobilità a due e quattro ruote ai sistemi di risparmio energetico, dall’automotive infotainment ai dispositivi più avanzati per l’illuminazione e il controllo elettronico del veicolo.