The news is by your side.

Un altro ricovero per legionella ad Avezzano, quarto caso in pochi giorni. La Asl: nessun allarme

Avezzano. Ieri sera un uomo di 82 anni è stato ricoverato all’ ospedale di Avezzano per legionella. Il paziente, affetto da problematiche pregresse, tra cui crisi respiratorie, è ora ricoverato nel reparto di rianimazione in condizioni critiche. Le malattie di cui è già affetto, insieme all’età, lo rendono più vulnerabile agli effetti della legionella.

L’anziano si aggiunge ad altri 3 pazienti, due assistiti nel reparto di medicina e uno in malattie infettive, ricoverati nei giorni scorsi nel presidio marsicano, sempre a causa della legionella, le cui condizioni non destano invece preoccupazione.

“Quattro casi di legionella in pochi giorni sono una coincidenza non infrequente”, come spiegano i medici, “che rientra nelle casistiche e che non suscita particolare preoccupazione. I pazienti, tutti della Marsica, attualmente in ospedale, infatti, secondo accertamenti ancora in corso, hanno contratto il batterio in posti diversi e quindi non c’è un unico focolaio che possa rappresentare un allarme”.

“La Asl, secondo copione”, precisano i medici, “ha adottato tutte le misure da protocollo, chiamando in causa il servizio igiene e prevenzione, incaricato di individuare la fonte del batterio e di eseguire successivamente tutte le operazioni di bonifica degli ambienti in cui è presente l’agente patogeno che comunque, va ricordato, non si trasmette da persona a persona”.

 

 

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto