News in tempo reale

L’alzabandiera dà il via al raduno degli alpini. Oggi messa in cattedrale e Fanfare in piazza Risorgimento

Avezzano. Ha preso il via ufficialmente ieri, con la solennità dell’alza bandiera, il raduno alpini del centro-sud Italia ad Avezzano. La città, addobbata con bandierine tricolore e striscioni, ha dato il benvenuto ai primi alpini arrivati dall’Abruzzo e da diverse regioni del sud Italia. Nella piazzetta adiacente la chiesa Madonna del Passo, dopo l’alza bandiera, c’è stata la deposizione della corona al monumento degli alpini e l’esibizione della Fanfara alpina. La giornata si è chiusa alle con l’esibizione dei cori degli alpini. Alla cerimonia inaugurale erano presenti Giorgio Sonzogni, rappresentante nazionale Ana, il sindaco Gabriele De Angelis, e il tenente colonnello, Fulvio Menegazzo, del 9° reggimento. La benedizione è stata impartita dal parroco don Vincenzo De Mario. “L’augurio”, ha affermato, “è quello di sentirci persone vive, persone contente e questa luce, la luce di Dio, deve esserci di conforto”. “Si apre con grande entusiasmo questa tre giorni di festa”, ha affermato il sindaco Gabriele De Angelis, “un momento importante per la città. Siamo fieri e orgogliosi di ospitare gli alpini che portano sempre gioia e alti valori, coinvolgendo l’intera popolazione. Avezzano è una città ospitale e cercheremo di trattare nel migliore dei modi e con la massima accoglienza possibile i nostri ospiti, promuovendo anche il nostro territorio”. La musica della fanfara presieduta da Giuseppe Di Due, che è arrivata in Piazza Risorgimento, ha dato solennità all’evento. Anche se la massa di partecipanti arriverà domani, in molti si aspettavano una maggiore partecipazione dei cittadini. “La gente ha avuto un po’ paura del caldo”, ha sottolineato Carlo Agostini, vice capogruppo alpini di Avezzano, “ma per domenica aspettiamo tantissima gente.

Oggi intanto alle 11 il sindaco De Angelis riceverà il presidente e i consiglieri nazionali nella sala consiliare, mentre alle 16 arriverà il Labaro nazionale seguito dalla deposizione della corona al monumento ai caduti. Alle 17 si celebrerà la santa messa in cattedrale e a seguire in piazza Risorgimento esibizione delle Fanfare. Domani sarà il grande giorno, con l’arrivo alle 8.30 dei partecipanti e ammassamento nella zona della Madonna del Passo. Alle 10.30, dopo lo schieramento, gli onori iniziali e i saluti delle autorità, ci sarà la sfilata per le vie della città. Nel pomeriggio, alle 17, l’ammaino della bandiera segnerà la fine della manifestazione. In occasione dell’adunata è possibile visitare una mostra storica della Prima e della Seconda guerra mondiale dietro la cattedrale con divise e cimeli storici forniti dal 9° reggimento alpini.