News in tempo reale

La Siapra – Fiamm tra le aziende italiane modello che ha puntato sul ritorno in patria

Avezzano. Tra le decine di aziende che chiudono, le centinaia di operai in cassa integrazione, la mancata ripresa dell’economia e le scarse speranze per il futuro c’è un’azienda che lavora a pieni ritmi e produce: Siapra-Fiamm. L’azienda è stata presa a esempio questa settimana da L’Espresso come una delle società che ha puntato al rientro in patria. Nel servizio “Torna a casa azienda”, infatti, viene illustrata la storia di alcune società che dall’Est Europa o dall’Asia hanno deciso di rimpatriare e Fiammcontinuare a investire in Italia. La Siapra-Fiamm è una di queste. Dopo aver chiuso a Mladà Boleslav ha deciso di puntare tutto sul sito di Avezzano investendo 30milioni di euro per il restyling e l’ampliamento dello stabilimento del nucleo industriale dove oggi lavorano circa 350 dipendenti, parte dei quali assunti negli ultimi anni. La produzione di batterie per auto e industriali per il momento non sembra sentire il peso della crisi e per questo il lavoro procede a gonfie vele. I dipendenti che si dedicano alla produzione lavorano h 24 divisi per turni. Il leader di Siapra-Fiamm Stefano Dolcetta ha raccontato all’Espresso che a spingerli a investire, e quindi ad assumere più personale, è stato l’accordo siglato con il sindacato che ha abbassato il costo del lavoro e permesso all’azienda di continuare a camminare.