News in tempo reale

“La natura come ambiente di apprendimento: la scuola e il Pnalm per l’innovazione didattica”, seminario a Gioia dei Marsi

Gioia dei Marsi. L’istituto comprensivo “San Giovanni Bosco” di Gioia dei Marsi e l’ente parco nazionale d’Abruzzo, Lazio, Molise, organizzano un
seminario dal titolo “La natura come aula di apprendimento. Pedagogia
della natura, zone di apprendimento all’aria aperta, educazione alla
sostenibilità: il patrimonio del parco nazionale per l’innovazione
della didattica”. Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e MoliseIl seminario, rivolto a docenti, studenti ed educatori, si svolgerà giovedì 21 gennaio 2016, alle ore 10.30, presso il centro culturale “Moretti” di Gioia dei Marsi, e vedrà la partecipazione dell’assessore regionale all’istruzione, Marinella Sclocco, del presidente del parco nazionale, Antonio Carrara, del direttore, Dario Febbo, del presidente della comunità del parco, Antonio Di Santo, dei tre sindaci di Gioia, Lecce ed Ortucchio, del dirigente scolastico, Andrea Bollini. La natura rappresenta uno straordinario ambiente di apprendimento, oggi ancora poco valorizzato. A partire dalle principali teorie pedagogiche del secolo scorso incentrate sull’importanza dell’ambiente nella pedagogia, la natura costituisce uno spazio di esperienza infinito, che diventa strumento fondamentale per lo sviluppo fisico, cognitivo, relazionale, motorio, dei bambini. Grazie al grande potenziale formativo appresentato dal parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, l’istituto comprensivo “San Giovanni Bosco” e l’ente Pnalm hanno promosso un’attività di collaborazione, che ricomprende una serie di azioni quali la realizzazione di una mappa delle zone di apprendimento del Parco, l’organizzazione di corsi per docenti sull’educazione ambientale, l’attivazione sperimentale della disciplina di “educazione alla sostenibilità e all’ambiente” nel curricolo scolastico e altre progettualità. La giornata seminariale prevede la presentazione di queste iniziative con la partecipazione delle autorità, dei docenti e degli studenti e si concluderà con la firma di un protocollo di collaborazione.