News in tempo reale

Inaugurata nella sala del Suffragio la mostra di Michela Panunzi, 24enne affetta da autismo

Scurcola Marsicana. Inaugurata nella “Sala del Suffragio” del Comune di Scurcola Marsicana la mostra di pittura di Michela Panunzi. All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco, Nicola De Simone, la Pittrice Graziella Gagliardi, il Presidente di Autismo Abruzzo Dario Verzulli, i genitori Annunziata e Roberto e tanti amici tra cui anche Vladic Ciccotosto e Cristina Milani, giunti appositamente dall’Aquila.

Una mostra che porta il visitatore all’interno di mille colori, sfumature che delicatamente fanno emergere forme, immagini ed emozioni. L’artista è Michela, una ragazza di 24 anni con diagnosi dello spettro autistico, che attraverso questa passione emergente riesce a trasmettere nelle sue opere pensieri ed esperienze personali. Un impegno costante e crescente che contribuisce alla programmazione quotidiana delle sue attività e che potrebbe essere spunto per ulteriori iniziative.

Una mostra personale che giunge al termine di un percorso che ha visto Michela e la sua famiglia impegnati dapprima per il riconoscimento del diritto alle cure per poi sostenere la passione emergente. Nonostante una normativa nazionale e regionale molto chiara, i giovani autistici, al termine del percorso scolastico, perdono ogni coinvolgimento sociale e spesso vedono sospesi o interrotti anche i percorsi riabilitativi.

I genitori di Michela sono stati determinati nell’affermare il diritto alle prestazioni socio-sanitarie della loro figlia e oggi la passione di Michela per la pittura può rappresentare la base per un avvio al lavoro che potrebbe accrescere ulteriormente autonomia e capacità organizzative della ragazza.

“Non possiamo che augurare a Michela di proseguire nel percorso virtuoso dell’arte e saremo al suo fianco affinché questo possa diventare un’occupazione quotidiana per lei ed un messaggio di speranza per tutte le famiglie con persone autistiche che si trovano, sole, ad affrontare una quotidianità oggettivamente difficile e senza possibilità di aiuto” queste le parole del presidente Verzulli.