News in tempo reale

Il Psr finanzia con 5 milioni di euro le aziende agricole che puntano sul biologico

Avezzano. Buone notizie per gli agricoltori marsicani. E’ stato finanziato il Piano di sviluppo rurale per le aziende agricole che puntano sul biologico con 5 milioni di euro per gli anni 2010, 2011, 2012, 2013. Si tratta degli interventi previsti dalla Misura 214 del Programma di sviluppo rurale che riguarda in particolare il sostegno all’agricoltura biologica. Dopo la consueta fase di istruttoria delle domande si procedera’ alla pubblicazione dei decreti di pagamento da parte di Agea. ”Si tratta di un passaggio molto importante per le numerose aziende che lavorano nel biologico – spiega l’assessore alle Politiche agricole della Regione Abruzzo, Mauro Febbo – Grazie ad una specifica azione prevista dalla Misura 214 del PSR, riceveranno un prezioso sostegno per l’introduzione e il mantenimento di metodi di produzione biologici. In particolare, l’Azione 2 e’ rivolta a promuovere l’adozione di tecniche colturali, con l’esclusione dell’impiego di sostanze chimiche, anche nel settore della zootecnia”. Per Febbo ”quello biologico e’ un settore in continua espansione, anche in Abruzzo, verso il quale l’amministrazione regionale rivolge il massimo impegno, lavorando affinche’ ci siano le condizioni migliori per le aziende”. ”La valorizzazione del biologico – fa notare – si traduce anche in un maggiore rispetto non solo dell’ambiente in cui viviamo ma anche della nostra salute. Gli stessi consumatori sono sempre piu’ attenti ed informati e di conseguenze preferiscono acquistare prodotti sani e soprattutto sicuri”. In questi ultimi anni l’Abruzzo ha mostrato una forte vocazione per l’agricoltura ecocompatibile: circa 30 mila ettari di terreno sono dedicati al biologico con oltre 1.500 aziende che praticano questo tipo di agricoltura, 190 delle quali fanno trasformazione di prodotti. ”Tutte le risorse finanziare previste per questo intervento – conclude l’Assessore – che comprendono anche agricoltura integrata e recupero della fertilita’ per i terreni del Fucino, possono dirsi utilizzate”.