News in tempo reale

Parco della Musica di Firenze “made” in Marsica. La struttura realizzata da due aziende locali

Avezzano. Parco della Musica di Firenze “made” in Marsica: un pezzo importante della mega struttura del teatro dell’opera, quello in acciaio, dotata di rivestimenti interni di ultima generazione, -realizzata in onore 150 dei anni dell’Unità d’Italia per un investimento di 250 milioni di euro- inaugurata nella città del Giglio, ha “preso forma” nella Marsica, progettato dalla società “Tonelli Ingegneria” di Avezzano dove lavorano 30 persone. Operazione compiuta in tandem con un’azienda dell’Aquila, la Ziaca 2 (60 dipendenti), che ha curato la realizzazione dell’opera di alta ingegneria all’avanguardia in Europa. “La sinergia tra le due aziende operanti nella Provincia dell’Aquila, che ha portato alla realizzazione di una struttura di alto valore nel nord Italia avanzato”, affermano gli imprenditori Fabio e Roberto Tonelli ed Eliseo Iannini, “dimostra la possibilità di competere a tutti i livelli delle nostre imprese e di conquistare spazio al di fuori del territorio”. Parola d’ordine: elevata professionalità. Le due aziende, agendo in perfetta sintonia, hanno progettato e realizzato opere in carpenteria metallica per 2 milioni di kg di acciaio, l’equivalente di un opificio industriale di circa 40.000 mq (4 ettari). La copertura della sala grande interamente in acciaio ha una luce di 55 m per una superficie di circa 2500 mq. “Un’azienda di Avezzano che realizza un pezzo importante del teatro dell’opera di Firenze in collaborazione con un’impresa dell’Aquila”, concludono, “è un’iniezione di fiducia per il futuro di un territorio messo a dura prova dal terremoto e uno stimolo a puntare sull’innovazione per crescere e svilupparsi”. Anche i rivestimenti interni della sala grande in rete metallica, unici nel suo genere per un teatro dell’opera, sono stati interamente progettati e messi in opera dalle due imprese della Provincia dell’Aquila, attraverso la realizzazione di prototipi sperimentali. Il teatro dell’opera, nuova sede del Maggio fiorentino, dispone di tre sale in grado di ospitare simultaneamente eventi di ogni tipo, per un numero complessivo di 5000 spettatori, mentre la sala più grande, inaugurata in questi giorni, può contenere 1.800 spettatori. L’evento sarà trasmesso domenica 25 dicembre, all’una, nel palinsesto documentario sul canale 418 di Sky, Leonardo case&stili.