The news is by your side.

Il Montepulciano Enisio riserva 2014 è il miglior rosso della settima edizione di Gironi Divini

Tagliacozzo. Nella seconda delle due finali per eleggere i vini migliori di questa settima edizione di Gironi Divini, l’Enisio dell’azienda Tocco è stato votato come il miglior rosso. Analogamente alla serata inaugurale, e come accadrà anche in quella di chiusura prevista per domani, a fare gli onori di casa è stato Franco Santini, giornalista e critico enogastronomico. La giuria popolare, composta da giornalisti, produttori e semplici appassionati, ha assaggiato i dieci migliori vini rossi selezionati tra le circa 50 cantine presenti.

Abbiamo raccolto alcune reazioni a caldo tra i produttori presenti a questa seconda serata.

Lorenzo Tocco, titolare dell’omonima azienda: “Sono in parte sorpreso perché è un vino nuovo, etichetta appena uscita. Sta prendendo riconoscimenti e questa è una nota positiva. Grande soddisfazione. Il vino è dedicato a mio padre ed è il nostro vino di punta. Lui rappresenta la colonna portante dell’azienda“.

Luciano Di Nunzio, agronomo dell’omonima azienda, per la prima volta presente a Gironi Divini: “ci siamo trovati molto bene, siamo contenti di aver partecipato e siamo orgogliosi di essere stati inseriti all’interno della top 10. È sicuramente un motivo di prestigio e una soddisfazione che ci spinge a fare il nostro meglio“.

Ettore Palusci, delegato dell’azienda La Quercia: “abbiamo riscontrato un livello molto alto dei montepulciano in concorso tra eccellenze e vini altresì importanti. Il giudizio è positivo perché la qualità davvero molto alta. I migliori vini, quelli da podio, davvero notevoli”.

Carmine De Iure, cantina Biagi: “La Marsica è sicuramente un territorio che si presta per eventi del genere. Noi come cantina siamo molto presenti nella provincia dell’Aquila. Non rinunciamo a fare vini comuni e l’ambizione di Luca è quella di andare verso un consumo più sbarazzino. Ci teniamo a fare bella figura, ecco perché ci teniamo a ringiovanire la nostra proposta. Vini che siano innanzi tutto puliti e bevibili“.

Questa è la classifica finale.  Davanti ad aziende che hanno fatto la storia del vino d’Abruzzo a vincere a sorpresa è stato il vino di una cantina giovane, molto apprezzato dalla giuria tecnica.

1) Montepulciano Enisio riserva 2014 – Tocco vini
2) Montepulciano dogc Pignotto 2010 – Monti
3) Montepulciano Tenuta del Ceppete 74 2013 – Guardiani Farchione
4) Montepulciano docg Riserva Mastrobono 2010 – La Quercia
5) Montepulciano docg Ipnosi 2013 – Biagi
6) Montepulciano riserva 2013 – Di Sipio
7) Montepulciano Selva Delle Mura Bio 2015 – Nic Tartaglia
8) Montepulciano I Vasari 2013 – Barba
9) Montepulciano docg Notari 2017 – Nicodemi
10) Montepulciano Filì 2011 – La Vinarte

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto