News in tempo reale

Il Carnevale snobba i divieti e Piazza Risorgimento si riempie di famiglie: polemica sui social (video)

Avezzano. Abruzzo in zona arancione (in zona rossa nell’area metropolitana del pescarese), contagi che continuano a salire e soglia di allerta di ingressi nelle terapie intensive ormai superata.

È di oggi la notizia che in Abruzzo si è arrivati al 34%, l’allarme scatta al 30. Il rischio è che tra pochi giorni si rifinisca tutti in zona rossa.

Ma in tante piazze d’Abruzzo, oggi, non si è riusciti a evitare la festa di Carnevale dei bambini.

In mattinata, ma anche nel pomeriggio, Piazza Risorgimento ad Avezzano (nel video e nella foto) si è riempita di bambini accompagnati da genitori e amici. Oggi, per di più, le scuole erano chiuse e pertanto il numero dei bimbi fuori si è moltiplicato esponenzialmente.

Sui social si è scatenata una vera e propria bufera, alla luce del fatto che si rincorrono le notizie sulla crescita dei contagi da covid19, con tanto di raccomandazione da parte di alcuni sindaci a usare cautela, anche negli spostamenti tra un Comune e l’altro.

Il consigliere comunale di maggioranza di Avezzano, Nello Simonelli, ha scritto su Facebook: “Nella giornata odierna abbiamo potuto vedere frotte di persone, in alcuni casi gli immaresciabili del ‘Restate a casa’, scendere in piazza con figli, nipoti, annessi e connessi, per festeggiare questo ultimo giorno del Carnevale. Non dirò mai ‘Restate a casa’, perché ciò che caratterizza l’essere umano è la capacità e la necessità di socializzare, che ci differenzia in modo netto dal restante mondo animale, e perché vedere i bimbi sorridenti fa bene al cuore.  Altra caratteristica che ci differenzia dall’animalità nuda e cruda, però, è la coscienza, che spesso si accompagna, non sempre, al buon senso. Utilizziamolo”, ha concluso, “perché libertà significa anche responsabilità: verso se stessi, indubbiamente, ma anche e soprattutto verso gli altri”.

Non è la prima volta che nella Marsica in zona arancione si vedono scene di assembramenti in piazza.

A Natale, a Celano, la casetta di Babbo Natale richiamò centinaia di visitatori poi allontanati dall’arrivo dei carabinieri.

“E no cari genitori non ci siamo proprio!”, ha commentato su Facebook la consigliera regionale Marianna Scoccia, originaria di Avezzano, anche sindaco di Prezza, che non ha fatto riferimenti a territori specifici, “anche i miei figli avrebbero voluto festeggiare il carnevale in maschera, ma non è questo il momento! Con un’ordinanza regionale che vieta stazionamenti e assembramenti in piazze e centri storici nessuno ha visto niente? Ci sarebbero voluti maggiori controlli! Mi dispiace ma così non ci siamo proprio. Delusione, tanta delusione”.
Il post ha ricevuto oltre 80 commenti che si riferiscono anche ad altre piazze della regione, tra cui quella di Sulmona, dove sono stati portati i bambini a fare festa in piazza, approfittando anche del giorno di chiusura della scuola.