The news is by your side.

Gyrotonic, ad Avezzano la ginnastica che cura la colonna e ridà  forza a chi si fa male

E' usata anche nelle più importanti accademie di danza #advertisingdigital

Fu inventato da Juliu Horvath, 74 anni, ex ballerino che attualmente  vive nella Foresta Nera con la moglie. Dopo la rottura del tendine d’Achille mise a punto un il metodo di riabilitazione per sviluppare forza, flessibilità e coordinamento. Oggi è usato in centri di riabilitazione e accademie di danza. Gyrotonic, così come Gyrokinesis, sono due metodi di allenamento volti a potenziare mobilità, capacità di allungamento ed elasticità delle articolazioni e dell’apparato muscolo-scheletrico.

Si basano su movimenti lenti e rotatori che coinvolgono articolazioni, muscoli, tendini e legamenti, con l’unica differenza che il primo si effettua con appositi macchinari, mentre il secondo con esercizi a corpo libero. Macchine e tecniche sono state ideate negli anni ‘80 del secolo scorso dal danzatore ungherese Juliu Horvath che, costretto a interrompere la sua carriera a causa della rottura del tendine d’Achille, decise di inventare dei metodi in grado di fronteggiare gli infortuni.

IN COSA CONSISTONO. Sono un’ampia varietà di esercizi rotatori a intensità medio-bassa, che attingono da discipline come arti marziali, yoga, danza e perfino nuoto, e coinvolgono tutto il corpo. Quelli del gyrotonic si effettuano con macchinari composti da una torre, una panca e un sistema di carrucole, tiranti e maniglie, che permettono di effettuare tantissimi movimenti.

BENEFICI FISICI. Rendono più elastici muscoli, tendini e articolazioni, migliorando la mobilità e la coordinazione dell’intero organismo. Inoltre, aumentano la funzionalità
 della colonna vertebrale, rinforzandola e rendendola più flessibile, col risultato di ottenere una corretta postura. Il tutto con uno sforzo minimo a carico naturale. Per questo vengono utilizzati spesso anche come terapie riabilitative, in abbinamento alla fisioterapia.

Juliu Horvath

BENEFICI PSICOLOGICI.Le tecniche di respirazione da mettere in atto in abbinamento agli esercizi migliorano la capacità polmonare e cardiovascolare, e permettono al diaframma di funzionare correttamente, aprendo i canali energetici. Per questo aiutano a rilassarsi e a combattere stress, ansia e tensioni.

PER CHI SONO INDICATI. Trattandosi di movimenti dolci e a bassa intensità, possono essere praticati da tutti, senza limitazioni neppure di età. È indispensabile però sottoporsi prima a un controllo medico, per verificare l’assenza di particolari problematiche articolari o patologie cardiocircolatorie e respiratorie. Del resto, il controllo medico preventivo è sempre una condizione indispensabile prima di affrontare qualunque tipo di attività fisica.

Sergio Grandoni

DOVE SI POSSONO PRATICARE. Nei centri specializzati con lezioni singole o di gruppo, sotto la guida di istruttori abilitati e certificati. È fondamentale infatti che gli esercizi vengano effettuati in maniera corretta, per non rischiare di renderli dannosi. Ad Avezzano è possibile praticarli  nello Studio Medico Fisioterapico Medilab, in via  Santucci 22 ad  Avezzano (L’Aquila), 333 780 7891.  Sarapraticato da Sergio Grandoni, di Roma,  già primo ballerino nei principali teatri europei, istruttore Pre-Trainer Gyrotonic, insegnante di Gyrokinesis, e massaggiatore Shiatsu, che ha trattato ballerini  di fama internazionale (Friedmann Vogel, Svetlana Zakharova, Irina Dvororenko, Ashley Bouder ,Jurghita Dronina,Martha Graham Dance Company, Matthew Golding, Evgenia Obraztsova, Maxim Beloserkovsky, José Manuel Carreno, David Makhateli e altri).

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto