News in tempo reale

Gran gala dei diciottenni organizzato dall’Avis di Luco dei Marsi, trent’anni di storia e tradizioni

Luco dei Marsi. Anche quest’anno, nel rispetto di tutte le norme anti contagio vigenti, l’Avis di Luco dei Marsi ha por

tato avanti l’ormai storico gran gala  dei diciottenni organizzando una serata memorabile per tutti i ragazzi luchesi nati nel 2002 che hanno deciso di partecipare all’evento.

I festeggiamenti, svoltisi ieri, sono iniziati nel primo pomeriggio con la celebrazione della santa messa nella chiesa di Santa Maria di Luco dei Marsi, celebrata da Don Giuseppe Ermili.

A seguire, i ragazzi e i familiari si sono spostati presso il convento dei frati cappuccini dove, nel piazzale anteriore, si è svolta la tradizionale “sfilata” con consegna degli attestati di partecipazione e copia della costituzione italiana da parte del primo cittadino, dottoressa Marivera De Rosa.

I festeggiamenti si sono poi conclusi, per i ragazzi, con la cena di gala presso il Ristorante Angizia.

“Come direttivo siamo contentissimi della riuscita di questo evento” ha commentato il presidente in carica Fabrizio Salvati, “la classe 2002 è stata molto collaborativa e entusiasta nel celebrare questa festa che ormai è una tappa fissa per tutti i giovani luchesi”. “Oltre ai ragazzi e alle loro famiglie, mi preme ringraziare il Comune, sempre disponibile alla collaborazione e che ci ha concesso l’utilizzo del convento dei frati cappuccini, la Pro Loco, l’Angizia Color Fun e tutti i volontari Avis che hanno collaborato alla riuscita di questo evento” continua Salvati. “Nello specifico voglio ringraziare il presidente della Pro Loco, Elisa Panella, il presidente dell’Angizia Color Fun Antonio Luciani, il segretario Roberto Cambise, il vicepresidente Vincenzo Fracassi e i volontari Carlo Santellocco e Giovanni Capoccitti”.

“Come Avis speriamo di aver sensibilizzato i ragazzi alla donazione di sangue. Ricordiamo che pochi minuti del nostro tempo possono salvare una vita. Appuntamento, condizioni permettendo, al prossimo gran gala dei diciottenni” conclude il presidente Salvati.