News in tempo reale

Marocchino investito e ucciso durante la notte, fermati i fratelli Ferreri. Forse una vendetta

Avezzano. Investono un marocchino uccidendolo e poi si danno alla fuga. Alla fine vengono rintracciati e arrestati. Due giovani di Avezzano, i fratelli Angelo Ferreri, 31 anni, e Antonello (29) di San Pelino, sono stati accusati di omicidio volontario. La vittima è  Errady Said (32), che aveva della cocaina con sé. I due avezzanesi sono stati raggiunti a casa dagli agenti della squadra anticrimine subito dopo l’investimento avvenuto in via Jugoslavia, una traversa di via America. intervento della polizia volante nella notteSecondo quanto accertato dalla polizia del commissariato di Avezzano, alla base dell’accaduto ci sarebbero dei retroscena su cui si sta cercando di fare chiarezza. Potrebbe trattarsi secondo gli investigatori di una vendetta per questioni di denaro o di droga. Nella macchina che ha ucciso intorno alle 23.30 il  marocchino c’era un terzo avezzanese. I due giovani, difesi dagli avvocati Roberto Verdecchia e Leonardo Casciere, sono stati rinchiusi nel carcere di Avezzano in attesa della convalida dell’arresto che potrebbe tenersi domani mattina. Resta alto il clima di tensione in città a causa di episodi di criminalità che non accennano a fermarsi. Si tratta solo dell’ultimo episodio di violenza e non è neanche il primo nel suo genere. Un altro marocchino era stato investito a San Benedetto tre mesi fa, rischiando la vita. La parte civile è assistita dall’avvocato Pasquale Motta.