News in tempo reale

Giornata internazionale della donna: amministratrici e associazioni insieme per l’8 marzo

Avezzano. Oggi, nella Sala Consiliare, collegata via streaming con centinaia di telefoni, 8 associazioni e le consigliere comunali, si sono date appuntamento, accolte dall’omaggio floreale del Sindaco Giovanni Di Pangrazio, del Presidente del Consiglio Fabrizio Ridolfi e del Vicesindaco Domenico Di Berardino.

Le associazioni interessate sono Bee free, Comunità Evangelica Valdese, Croce Rossa, Consultorio familiare CIF, Centro famiglia Amore e vita, Veronica Gaia, Delta e Rindertimi. Che nel corso dell’incontro hanno animato il dibattito accompagnate dalle poesie di Roberta Placida e con il supporto istituzionale della Commissione Pari Opportunità. Si tratta di associazioni, cooperative e movimenti che, seppure tra mille ostacoli, hanno continuato nel tempo l’impegno per il contrasto alla violenza fisica e psicologica alle donne, attraverso servizi di ascolto a richieste di aiuto, contatti e presa in carico di situazioni difficili. Si pensi solo che nel 2020 sono 112 i casi di uccisione di donne ad opera di mariti o compagni violenti.

Donne per le donne, quindi, in questa giornata celebrata in tutto il mondo e anche dalle istituzioni. A tal proposito, è importante ricordare che l’assise civica di Avezzano gode della presenza attiva di cinque consigliere comunali, da sempre impegnate anche nelle tematiche sociali: Antonietta Dominici, Alessandra Cerone, Concetta Balsorio, Iride Cosimati e Lorenza Panei. Dagli interventi di tutte le presenti è emerso che non è stata solo la rievocazione di una data simbolica e significativa, ma la sottolineatura di una condizione, quella delle donne, che ha visto anche qualche passo indietro nel periodo della pandemia. Alcune hanno perso il lavoro, altre hanno subito forme crescenti e molteplici di violenza tra le mura domestiche. È quindi opportuno trattare in modo appassionato e consapevole la giornata internazionale dell’otto marzo e il suo significato più autentico, parlarne nei luoghi istituzionali e stringersi la mano (simbolicamente oggi) per un patto di collaborazione verso iniziative concrete, da svolgersi nel prossimo futuro.