News in tempo reale

Furto di farmaci antitumorali all’ospedale di Avezzano, arrestata banda che operava in Italia

Avezzano. Sgominata la banda di cittadini italiani e romeni operante in tutta Italia e dedita ai furti di costosissimi farmaci presso ospedali pubblici e aziende farmaceutiche è stata azzerata. I malintenzionati avevano colpito anche nell’ospedale di Avezzano dove il 7 marzo 2014 avevano portato via farmaci antitumorali costosissimi. L’organizzazione criminale rubava soprattutto farmaci destinati prevalentemente alla cura di malattie tumorali e reumatiche. I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Siena hanno eseguito oggi nove arresti, tutti emessi dalla Procura della Repubblica di Siena, nei confronti di altrettanti cittadini italiani e romeni ritenuti responsabili di furto aggravato in concorso di costosi farmaci, destinati alla cura di malattie tumorali e reumatiche, ai Ospedale di Avezzano, veduta dal parcheggiodanni di aziende ospedaliere e ditte farmaceutiche. L’operazione denominata ‘Navigator’ conclude una complessa attività investigativa che ha portato alla disarticolazione di un pericoloso gruppo criminale, con basi operative e logistiche a Napoli e provincia di Bari, con un raggio d’azione in tutto il territorio nazionale. Le indagini dei carabinieri, dirette dal pm Giuseppe Grosso e coordinate dal procuratore capo Salvatore Filippo Vitello della Procura di Siena, hanno preso avvio proprio dai furti di farmaci perpetrati nei mesi di dicembre 2013 e marzo 2014 in danno degli Ospedali Civili di Siena, Poggibonsi (Si) e Montepulciano (Si) e hanno permesso l’identificazione degli autori e mandanti, oltre che di tali furti, anche di altrettanti 14 furti, per un totale di 18 furti e un danno complessivo di circa 6 milioni di euro, commessi dal 2013 e fino al mese di gennaio 2015 all’interno di aziende farmaceutiche e ospedali pubblici. Ad Avezzano i ladri avevano a segno un colpo sostanzioso all’ospedale di Avezzano ed erano riusciti a portare via un bottino consistente, ma dopo un inseguimento messo in atto dai vigilantes hanno dovuto rinunciare alla refurtiva, abbandonandola all’esterno della struttura sanitaria e dileguandosi. Sul caso sono in corso indagini dei carabinieri per risalire ai ladri. Nonostante le telecamere e i controlli, i ladri erano riusciti a riempire i sacchi di medicinali dopo aver fatto irruzione nella farmacia dell’ospedale di Avezzano. Una volta caricata la merce, hanno messo in atto il piano di fuga. L’allarme e i controlli del personale addetto alla sicurezza, però, è riuscito a far fallire il colpo. I ladri sono stati visti e inseguiti fino all’esterno. Nel frattempo è stato anche chiesto l’intervento dei carabinieri della compagnia di Avezzano. Sentendosi braccati dal personale della sicurezza, i ladri hanno deciso di guadagnarsi la fuga, dovendo però rinunciare al bottino che sarebbe fruttato diverse migliaia di euro. Alla fine la merce è stata recuperata e riportata in ospedale per un controllo e per essere riordinata negli scaffali, mentre la banda è riuscita a farla franca. I carabinieri hanno cercato nella zona ma non sono riusciti a trovare nessuno.