News in tempo reale

Folla commossa alla cerimonia in ricordo di don Mario Pistilli, il sindaco: una vita dedicata agli altri

Avezzano. Grande commozione in città per l’intitolazione della piazza di Borgo Angizia a don Mario Pistilli, indimenticabile sacerdote di San Pio X. Tutto il quartiere, grandi piccoli e anziani, ha partecipato all’evento di intitolazione alla presenza delle autorità.  Si è tenuta una processione dalla parrocchia fino alla piazza che si trova davanti alla scuola di via Cairoli e a quel punto, alla presenza del parroco, don Paolo Ferrini, davanti ad associazioni di volontariato, Alpini, l’associazioni d’Arma e tantissimi fedeli, il sindaco Gianni Di Pangrazio ha svelato la targa commemorativa. La morte di don Mario, stroncato da un malore all’età di 71 anni, non ha cancellato tutto il lavoro che il sacerdote aveva fatto per il quartiere e per le tante generazioni di giovani residenti.  Don Mario, nativo di Pescasseroli, fu membro del consiglio dei consultori, responsabile dei diaconi permanenti, delegato diocesano per la formazione socio-politica, assistente dei gruppi di preghiera. Vera colonna portante della Diocesi dei Marsi, viene ricordato per la sua bontà e per la semplicità nell’attività pastorale. Fu anche parroco della cattedrale e padre spirituale del seminario minore. L’intitolazione, a furor di popolo, è stata disposta tra le altre cose per la sua incisiva azione nel sociale, con la promozione di iniziative varie, tese a rafforzare il dialogo interreligioso e la cultura dell’unità e della fraternità.

“Questa intitolazione arriva dopo un iter di oltre un anno avviato grazie al comitato di quartiere”, ha affermato il primo cittadino, “le procedure, non facili, sono state serrate, ma quando c’è la tenacia come quella del Comitato allora ogni obiettivo può essere raggiunto. Quella di Mario è stata una vita dedicata a unire e non a dividere. Gli estremismi non funzionano, gli insulti e le cattiverie non funzionano. Dobbiamo invece essere tolleranti, in grado di poter dedicare parte della nostra vita agli altri, e anche questo ci ha insegnato don Mario. La città di Avezzano è fiera di poter intitolargli questa piazza”.