The news is by your side.

Ferratelle, morbide o friabili? Dipende dai gusti… Basta che sono “with love and passion”!

4.692

Morbidella, nevola, ciarancella, catarretta. Cambia nome a seconda della zona dove viene prodotta. Ma è il dolce d’Abruzzo che mette d’accordo tutti, veramente tutti, dai grandi ai piccoli. È la ferratella. Il dolce “giallo” che ora, grazie alle sapienti mani degli artigiani che la lavorano, inizia a prendere anche sfumatore di colore diverso: la dolciaria Cerasani la produce anche con farina integrale!

La famiglia Cerasani è di San Benedetto dei Marsi. Quella che oggi è una dolciaria che esporta prodotti in tutto il mondo, muove i primi passi da Attilio Cerasani, oltre mezzo secolo fa. Lui iniziò a lavorare come fornaio. Con gli ingredienti segreti di devozione e passione, il suo pane era cotto nel forno a legna. L’evoluzione alla dolciaria è passata dalla realizzazione dei primi biscotti, fino alle richieste dei clienti, di prodotti artigianali legati alla tradizione abruzzese.

E così amaretti, torroncini e mostaccioli ma soprattutto… Ferratelle!

La dolciaria Cerasani, oramai affermata azienda sul panorama non sono nazionale ma anche internazionale, oggi lavora su uno stabilimento che si trova a Pescina, di circa 2.500 metri quadrati e un laboratorio più piccolo a San Benedetto e dà lavoro a una cinquantina di persone.

 

La produzione all’interno dell’azienda è curata ancora pezzo per pezzo. All’interno del laboratorio uno staff di donne e uomini (le donne sono tantissime!) che curano ogni dettaglio. Dall’impasto, alle decorazioni, fino alla realizzazione dei cesti, delle scatole, delle spedizioni.

La capacità produttiva delle ferratelle oggi arriva a circa 20 quintali al giorno. Considerate che ognuna pesa 7/8 grammi. Quante saranno in tutto?

I dolci Cerasani arrivano ogni giorno in tutto il mondo: dall’Australia, al Canada, dall’Inghilterra alla Spagna.

Farcite con gustose confetture colorate, noci, miele o anche cioccolato, le ferratelle sono diventate ormai un simbolo d’Abruzzo e sono richieste in ogni angolo d’Europa.

Morbida o friabile? Dipende dai gusti.

Di certo la morbida rimane la passione dei bimbi e il piccolo Antonio, l’ultimo arrivato in famiglia, lo sa bene. La friabile è più apprezzata dagli adulti ma in linea di massima non si può tirare una netta riga di distinzione.

 

Tra il personale impegnato nella produzione oggi è ancora possibile trovare Nevro. Lui ha raccolto il testimone del padre, definitivamente negli anni ’80. È lui che ha deciso negli anni ’90 di lasciare la produzione del pane e di dare al marchio Cerasani, l’indelebile impronta della dolciaria.

Al suo fianco oggi ci sono i figli: Attilio e Lidia. Ma a vedere i sorrisi e l’empatia che “regna” all’interno dello stabilimento, si può serenamente dire che la dolciaria Cerasani è per interno una grande famiglia… “Made in Italy, with love and passion”!

CLICCA SUL BANNER E SCOPRI IL CATALOGO DELLA DOLCIARIA CERASANI

#advertising