News in tempo reale

Di Bastiano chiama il Cam, ma non rispondono e si rivolge a De Angelis: subito sportello per bollette in Comune

Avezzano. Il centro giuridico del consumatore ha chiesto, in più occasioni, un faccia a faccia con il Cam. L’incontro però non viene convocato e Augusto Di Bastiano, responsabile dell’associazione, fa appello al sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis. “Le bollette Cam stanno creando gravi disagi a tantissimi utenti  perché le dirigenze che si susseguono al Cam non hanno la volontà di confrontarsi con il territorio”, ha spiegato Di Bastiano, “come Centro giuridico del cittadino chiesi ripetutamente incontri alla dirigenza del Cam (mai avuti) ed ho chiesto che nessun addebito per mancata consegna bolletta da parte del Cam fosse addebitato agli utenti.

Oggi le bollette stanno arrivando perché la macro disorganizzazione della gestione precedente è stata cambiata, ma i danni li pagano sempre e solamente i cittadini? Il Cam recentemente è stato oggetto di attenzione da parte della magistratura per fatti che riguardano lavori e appalti, ma i danni che stanno subendo i cittadini chi li paga, il mancato recapito di bollette nel primo semestre di quest’anno ha sicuramente causato un grande danno alle casse del Cam, chi ne risponde? Io stesso non ho ricevuto le bollette del primo semestre e mi son dovuto far carico di recuperale e pagarle. Il Cam deve delle scuse agli utenti e provveda nel modo che ritiene più opportuno,ma lo faccia.

Propongo al sindaco di Avezzano che il Comune abbia uno sportello all’interno del palazzo in piazza della Repubblica, basta con questi pellegrinaggi a Caruscino il Cam venga da noi. La città ha dalle 20mila alle 25mila utenze e il servizio va attivato la dove sono i cittadini senza tener conto che in città quotidianamente vengono migliaia cittadini dalla Marsica e moltissimi da fuori Marsica perché hanno qui da noi le seconde case. Da ultimo ho chiesto un incontro il 15 settembre alla nuova dirigenza, mi hanno detto che stanno capendo, io ho già capito da tempo quindi accogliete le richieste pubbliche di incontro e forse incontrare chi non fa parte dell’apparato gestionale del Cam poco poco ma proprio poco farà un gran bene a tutti”.