News in tempo reale

Da Tagliacozzo a Magliano de’ Marsi per giocare a pallone con gli amici, arrivano i carabinieri

Magliano de’ Marsi. Da Tagliacozzo a Magliano per giocare a pallone con gli amici. Sono stati sanzionati ieri pomeriggio tre ragazzi fermati dai carabinieri della compagnia di Tagliacozzo, guidata dal maggiore Silvia Gobbini, che si trovavano in un campo da pallone di Magliano de’ Marsi, uno dei paesi attualmente in zona rossa per l’alto numero dei contagi.

Nonostante gli appelli da parte degli amministratori da qualche giorno i ragazzi si ritrovano in un campo del paese insieme ad altri coetanei per giocare e trascorrere del tempo insieme senza rispettare le norme di sicurezza. Ieri pomeriggio, però, la presenza dei giovani non è sfuggita alle forze dell’Ordine che stavano monitorando il territorio. I carabinieri sono arrivati e hanno fermato tre ragazzi, residenti a Tagliacozzo, che sono stati identificati e multati. Altri sembra siano riusciti ad allontanarsi proprio per evitare la multa.

Sempre nel pomeriggio di ieri è scattata una multa anche per un bar di Magliano de’ Marsi. L’attività era aperta dopo le 18 e stava somministrando da bere a un cliente. Quando sono arrivati i carabinieri hanno visto quello ceh stava accadendo e hanno sanzionato entrambi.

Spiace constatare come non ci sia una piena consapevolezza di tutta la popolazione sull’emergenza che stiamo vivendo”, ha commentato il sindaco Pasqualino Di Cristofano, “nei controlli odierni sono stati trovati più di 20 ragazzi a giocare al campo sportivo privi di mascherine e non rispettosi del distanziamento; esercizi commerciali aperti oltre le 18 con avventori adulti dediti al consumo di bevande ovviamente sono state elevate sanzioni.

Mi chiedo come sia possibile che in una piccola comunità come la nostra, in una comunità che ha pianto e continua a piangere la morte dei propri figli, alcune persone perseverino nel loro atteggiamento irresponsabile. E’ una vergogna.
Già in questa settimana di restrizioni, abbiamo predisposto controlli mirati da parte della nostra Polizia municipale e condiviso azioni di contrasto con i Carabinieri…nei prossimi giorni continueremo ed io stesso continuerò a fare segnalazioni. Chi sbaglia paga”.