News in tempo reale

Controlli in tutta la Marsica contro gli incidenti dovuti all’alcol, quattro persone denunciate

Avezzano. Negli ultimi giorni i Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo hanno eseguito specifici servizi mirati a contrastare il fenomeno della guida in stato di alterazione psico-fisica e ad incrementare il livello di sicurezza sulle strade. Al termine del servizio, nel corso del quale sono stati sottoposti a controllo un centinaio di utenti della strada in vari comuni del comprensorio, i Carabinieri della Stazione di Magliano dei Marsi e del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano, V.D., 78enne di Roma, e F.D., 46enne di Magliano dei Marsi, rispettivamente con l’accusa di guida sotto l’influenza dell’alcol, reato disciplinato dall’art. 186 del Codice della Strada e guida senza patente, di cui all’art. 116 del Codice della Strada. Il primo soggetto, controllato nel centro abitato di Tagliacozzo alla guida della sua autovettura, palesando con evidenza sintomi dell’assunzione di sostanze alcoliche, veniva sottoposto a test etilometrico, a seguito del quale si riscontrava nel suo sangue la presenza di alcol per un tasso pari a 1,38 grammi per litro. Il secondo soggetto invece, veniva sottoposto a normale controllo nel centro abitato di Scurcola Marsicana mentre alla guida di un’autovettura pur non possedendo il titolo di guida previsto. Nei suoi confronti si è scattata pertanto la denuncia all’Autorità Giudiziaria per il reato di guida senza patente perché mai conseguita. Si sono posti alla guida delle loro autovetture in stato di ebbrezza alcolica: denunciati un avezzanese e un celanese. Come oramai accade da tempo, nei fine settimana l’attività di controllo da parte dei Carabinieri viene anche “proiettata” nel contrastare efficacemente quelle che, convenzionalmente, vengono definite “le stragi del sabato sera”. In tale ambito l’attività, con controlli sulle principali arterie e nei pressi dei luoghi di aggregazione tra cui i locali notturni, trova un valido supporto nell’utilizzo delle strumentazioni in uso all’Aliquota Radiomobile tra cui l’”alcolblow” e l’”etilometro”.
In Avezzano i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri, nell’ambito di tali controlli, deferivano in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avezzano: O.M., di 33 anni, disoccupato di Avezzano il quale, controllato nella centralissima via Corradini di Avezzano, alla richiesta di sottoporsi ad esame etilometrico, si rifiutava. Ovviamente la richiesta di sottoposizione al “test” in argomento era stata originata da una serie di condizioni soggettive evidenziate dai militari operanti. Il Codice della Strada, a riguardo, “assimila” il rifiuto di sottoporsi ad “esame” al riscontro della guida in stato di ebbrezza (con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l) tanto che è uguale sia la sanzione “principale” (arresto da tre mesi ad un anno e ammenda da euro 1.500 a euro 6.000) e sia quella “accessoria” (sospensione della patente di guida da 1 a 2 anni e confisca del veicolo, laddove intestato al trasgressore). Al trasgressore in argomento non veniva ritirata la patente di guida poiché non in possesso dell’uomo perché già ritirata a seguito di una precedente analoga contestazione. L’autovettura condotta veniva sequestrata ai fini di confisca, così come previsto dalle norme vigenti. Nel corso del controllo si accertava che l’autovettura, fra l’altro, non aveva copertura assicurativa e, pertanto, si procedeva anche alla relativa contestazione (che prevede una sanzione amministrativa di euro 779) nonché al c.d. “sequestro amministrativo” del mezzo; A.P. di 18 anni compiuti da pochi mesi, studente di Celano. Lo stesso, controllato in Piazza Cavour di Avezzano e sottoposto ad accertamento con etilometro veniva trovato con un tasso alcolemico superiore a 1 g/l. Oltre al deferimento alla Procura della Repubblica di Avezzano, allo stesso veniva ritirata la patente di guida, da poco conseguita, per la successiva sospensione. A riguardo si evidenzia che al suddetto, trattandosi di “neo-patentato” (nei primi tre anni dal conseguimento della patente di categoria “B”) e in relazione al tasso alcolemico riscontrato, le sanzioni che saranno applicate sono aumentate da un terzo alla metà da quelle normalmente previste. Nel corso dei servizi in argomento, nel “fine settimana”, venivano contestate ulteriori 12 contravvenzioni al Codice della Strada e una di queste riguarda una ulteriore autovettura che circolava senza copertura assicurativa; come nel caso sopra citato il mezzo veniva sequestrato amministrativamente.